Volete sostenere le cure palliative? Donate un euro per ogni acquisto natalizio…

8 Aprile 2016

Campagna di beneficenza promossa da Confcommercio Palermo con Villa Sofia-Cervello, Arnas Civico e Asp 6: con questo contributo volontario gli acquirenti in quei negozi potranno sostenere l'attività degli Hospice rivolta ai malati terminali.

 

di

PALERMO. Si erano già messi insieme per snellire le procedure relative alle cure palliative e facilitare l’assistenza nel delicato momento del “fine vita”. Oggi, lo fanno di nuovo per raccogliere fondi e proseguire al meglio le loro attività.

Sono i tre hospice di Palermo (Villa Sofia-Cervello, Arnas-Civico e Asp 6) che insieme a Confcommercio hanno lanciato un’iniziativa benefica per il periodo natalizio.

Attraverso i suoi associati di Palermo e provincia, Confcommercio promuoverà una campagna di donazioni negli esercizi commerciali. «Durante gli acquisti natalizi gli acquirenti potranno donare un euro in favore di questa causa- afferma Daniela Cocco, responsabile delle politiche sociali dell’associazione di categoria- Sembra una cifra irrisoria, una goccia nel mare, ma tante gocce insieme possono fare la differenza. Per noi questo è un grande onore».

A breve sarà firmato un protocollo d’intesa tra le parti interessate e saranno definite le modalità della campagna.

L’iniziativa è stata presentata a Villa Niscemi, durante il convegno «Medicina palliativa- Stato dell’arte e nuove frontiere», organizzato dall’hospice dell’Azienda Villa Sofia-Cervello, diretto da Giuseppe Peralta, con il patrocinio della Società italiana cure palliative, dell’Associazione italiana pneumologi ospedalieri, dell’Accademia delle Scienze di Medicina palliativa e dell’Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica.

Erano presenti anche i direttori degli altri due hospice cittadini, Francesco Muscarella (Arnas-Civico) e Nicola Ferotti (Asp 6), il direttore del Dipartimento attività sanitarie e osservatorio epidemiologico dell’assessorato regionale alla Salute, Ignazio Tozzo, il direttore generale di Villa Sofia-Cervello, Gervasio Venuti, e Gabriele Gennusa dell’associazione Bon Hope, che sostiene la struttura dell’ospedale di via Trabucco.

«Un piccolo contributo per sostenere una grande causa», sottolinea Venuti, aggiungendo: «L’argomento è delicato, l’attività assistenziale fondamentale: dobbiamo dare dignità e benessere in ogni momento. Conosco la dedizione che c’è in queste strutture: sono parte integrante della rete assistenziale, ma spesso onerose. Ecco perché ogni contributo è importante».

«Abbiamo trovato in Confcommercio Palermo un interlocutore molto attento e sensibile ad un settore che, in Sicilia, ha compiuto importanti passi avanti», spiega Giuseppe Peralta, che è stato la ‘mente’ di questo progetto.

Ogni anno in Italia i malati terminali (pazienti oncologici, ma anche con malattie neurologiche o vascolari) sono circa 250 mila, di cui purtroppo 11 mila bambini. Di questi, solo il 40 per cento accede alle cure palliative, quell’insieme di terapie  (mediche, ma non solo) finalizzate a mantenere una buona qualità di vita fino all’ultimo respiro.

Tra l’altro, grazie alla Legge 38 del 2010, le cure palliative rientrano nei Livelli essenziali di assistenza, cioè sono gratuite. E allora perché in pochi ne beneficiano? Perché si tende a parlarne poco, perché sembra un argomento “scomodo”, che riguarda la morte e la sofferenza.

«In assessorato lavoriamo molto sugli hospice e le cure palliative– afferma Tozzo- Perché puntarci? Innanzitutto per una questione di etica e per l’umanizzazione del sistema sanitario. Inoltre, è inutile negarlo: fanno risparmiare. In termini di ricoveri o accessi al pronto soccorso impropri. Il comitato regionale per le cure palliative ha in corso diverse iniziative, dalla formazione degli operatori alla comunicazione. Inoltre, presto ci saranno delle risorse disponibili. E auspichiamo possano essere attivati i posti letto previsti, ma non ancora resi fruibili».

Nella foto da sinistra: Gabriele Giannusa, Ignazio Tozzo, Francesco Muscarella, Nicola Ferotti, Gervasio Venuti, Carlo Peruselli, Daniela Cocco e Giuseppe Peralta.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV