Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
coronavirus

ASP e Ospedali

La denuncia e la replica

Villa Sofia, Pullara: «Molti pazienti del pronto soccorso privi di assistenza sanitaria»

La denuncia del vicepresidente della VI Commissione dell'Ars, che sollecita «un'audizione urgentissima di tutta la Direzione Aziendale del nosocomio palermitano e dell'assessore Razza». Ecco la replica dell'azienda ospedaliera.

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. «Ho visto le condizioni assolutamente disumane in cui versano i pazienti nel pronto soccorso del presidio ospedaliero Villa Sofia». Lo ha dichiarato Carmelo Pullara, vicepresidente della VI Commissione dell’Ars che si occupa proprio di salute e sanità.

«I pazienti sono lasciati soli senza alcuna assistenza sanitaria e non si evince alcuna presenza di personale sanitario a tutti i livelli- aggiunge Pullara-  Le immagini che io stesso ho potuto registrare sono raccapriccianti, molti ammalati sono parcheggiati nei corridoi in solitudine. Alla luce di questa drammatica situazione ho chiesto alla presidente della Commissione Salute Margherita La Rocca Ruvolo un’audizione urgentissima di tutta la Direzione Aziendale del nosocomio palermitano, dell’Assessore per la Salute e del Dirigente Generale dell’Assessorato affinché chiariscano le ragioni di quanto sta accadendo, per capire se tale disfunzione proviene da una non consona gestione aziendale, ovvero di sistema».

LA REPLICA DI VILLA SOFIA-CERVELLO

«Rammarica fortemente che- prima ancora di sapere e di conoscere dettagli e situazione clinica e di contesto operativo sussistente nell’area dell’emergenza del Pronto Soccorso del Presidio Villa Sofia nell’ora e nel giorno in cui tale video viene girato- si emettano giudizi sulla qualità dell’assistenza sanitaria offerta dalla nostra AOOR, di cui certamente i pochi secondi di registrazione video non possono essere il parametro di misura.  La semplice visione del video senza i commenti, molto offensivi, porterebbe a considerazioni alquanto differenti rispetto al giudizio fuorviante che intenderebbe comunicare il narrante. La realtà complessa che contraddistingue un Pronto Soccorso andrebbe, infatti, valutata in base ad una serie di dati caratterizzanti la qualità assistenziale e gestionale/organizzativa, tra l’altro recentemente oggetto di apposita attività di controllo, con risultati positivi, da parte di una delegazione regionale. Le polemiche sul punto offendono l’abnegazione e gli sforzi massacranti che tutti gli operatori sanitari svolgono quotidianamente nel nostro come in altri pronto soccorso».

Da Villa Sofia aggiungono: «Tali immagini, dunque e certamente, non testimoniano, ad esempio, i 60 accessi presenti in quel momento; non spiegano che gli operatori erano impegnati in codici rossi, non illustrano ancora come molti di essi non fossero presenti nelle aree di transito riprese, in quanto impegnati in quell’ora anche a preparare terapie e/o in altre azioni mediche. Si rappresenta, inoltre, che le barelle in pronto soccorso- non essendo questa un’area deputata alla degenza ordinaria- sono la regola, in quanto il PS è un’area di emergenza e non certo di ricovero ordinario. La Direzione Strategica aziendale ha tempestivamente attivato un percorso di verifica e controllo di quanto accaduto; ciò a tutela delle persone ospedalizzate, in linea con le disposizioni del garante della privacy e delle norme vigenti sul punto, nonché dei profili legati alla deontologia inerente la diffusione a mezzo stampa e provvederà ad attivare idonee azioni legali nei confronti di chiunque dovesse diffondere a sua volta un video di per sé impubblicabile, al contempo, evidenziando che per il profilo social è in corso denuncia alla polizia postale».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati