ASP e Ospedali

La nota

Villa Sofia, Cimo: «Ennesima aggressione a un medico»

Il segretario regionale del sindacato: «Spintonata la dott.ssa di guardia al Pronto Soccorso Pediatrico, che ha poi sporto denuncia».

Tempo di lettura: 1 minuto

PALERMO. «Altra aggressione ai danni di un medico ospedaliero a Villa Sofia. Ieri sera è toccato, a un medico di guardia del Pronto Soccorso Pediatrico». A denunciarlo è Giuseppe Bonsignore (nella foto di Insanitas), segretario regionale CIMO (Confederazione Italiana Medici Ospedali).

«Nonostante gli appelli ripetuti- sottolinea Bonsignore- non si riesce ad arginare questo crescendo di episodi di violenza nei confronti dei medici ospedalieri. Sono fatti incresciosi che meriterebbero maggiore attenzione da parte di chi è preposto alla tutela e alla incolumità del personale sanitario».

«La dottoressa in servizio- aggiunge Bonsignore- è stata ripetutamente spintonata dai genitori di un piccolo paziente che, come accaduto altre volte, si rifiutavano di far fare il tampone nasale per escludere positività al Covid. Sono intervenuti i vigilantes e la polizia. Il piccolo paziente è alla fine risultato positivo al Covid e per questo trasferito al Di Cristina». Il medico vittima dell’aggressione ha sporto denuncia nei confronti dei genitori del paziente.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche