Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
sciopero nazionale delibere omissioni corleone agonia contratto comitato lavoratori

Dal palazzo

La vertenza

Villa Sofia-Cervello, sindacati in stato di agitazione: contestate alcune delibere del Commissario

La vertenza contro presunte «violazioni di precise norme contrattuali e legislative».

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Lo stato di agitazione, «riservando di adire le vie legali a tutela delle proprie prerogative e degli interessi dei propri rappresentati»: lo hanno proclamato le organizzazioni sindacali della Dirigenza medica e sanitaria degli Ospedali Riuniti Villa Sofia- Cervello.

Sotto accusa «svariati atti deliberativi adottati dall’attuale Commissario, Maurizio Aricò, in violazione di precise norme contrattuali e legislative e disattendendo qualsivoglia forma di “vero” confronto”».

Aricò ha successivamente convocato le OOSS mediche, ma le rispettive Segreteria Regionali non hanno aderito all’invito giudicandolo tardivo rispetto alle ripetute precedenti richieste avanzate e disattese. Ormai il confronto si è spostato a livello Regionale e assessoriale.

Insanitas ha contattato Villa Sofia- Cervello per una replica, se dovesse pervenire la pubblicheremo.

Secondo Aaroi Emac, Cimo- Fesmed, Cisl Medici, Cgil Medici ed Uil Medici, «alcuni dei provvedimenti impugnati dalle OO.SS. mediche hanno determinato una grave discriminazione all’interno della stessa Azienda Ospedaliera finendo per avvantaggiare pochi soggetti, sia dal punto di vista giuridico che economico, a discapito di tantissimi altri».

Vengono contestati «l’attribuzione di incarichi dirigenziali “ad personam” ed anche ricollocazioni d’ufficio di dirigenti medici, in spregio a qualsiasi procedura relativa alla mobilità volontaria e senza la minima trasparenza».

Infine, le organizzazioni sindacali mediche chiedono l’immediato intervento dell’Assessorato alla Salute, «al quale è già stata inviata relazione dettagliata, per evitare il perpetuarsi di tali comportamenti illegittimi e per ottenere la revoca dei provvedimenti contestati».

Clicca qui per visionare la nota inviata dai sindacati a Ruggero Razza.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati