Villa Santa Teresa, lettera di licenziamento per i 120 lavoratori delle aziende edili

31 Maggio 2016

Protesta nella clinica di Bagheria. Ieri sono arrivate le lettere di messa in mobilità per gli addetti di Edilmar, Italtecna e Ati Group. La Cgil: «Non accettiamo questa procedura e ci opporremmo con forza. Vanno ricercate soluzioni alternative per garantire la continuità produttiva dell'azienda».

 

di

PALERMO. Protesta dei lavoratori dell’Ati Group presso la clinica Santa Teresa di Bagheria. Ieri sono arrivate, da parte delle tre aziende edili dell’ex gruppo Aiello, Edilmar, Italtecna e Ati Group, le lettere di messa in mobilità dei 120 lavoratori, la maggior parte dei quali si trova in cassa integrazione. Ora parte la procedura di 75 giorni per i licenziamenti.

«Non accettiamo questa procedura e ci opporremmo con forza ai licenziamenti. Vanno ricercate soluzioni alternative per garantire la continuità produttiva dell’azienda- dichiara il segretario Fillea Cgil Palermo, Francesco Piastra- L’Agenzia dei Beni confiscati evidentemente ha ricevuto il mandato da parte del ministero di Grazia e giustizia a licenziare. Chiediamo una convocazione urgente».

«Attendiamo che l’Agenzia e l’amministratore giudiziario si pronuncino sul progetto di cooperativa messa in atto dai dipendenti e facciano la proposta di affitto- aggiunge Piastra- I lavoratori hanno manifestato l’interesse con la costituzione della cooperativa a acquisire il ramo d’azienda e a rilevare l’attività. Registriamo a oggi il silenzio assoluto da parte di entrambi. E nessuna risposta è stata data al sindacato sul fatto che una parte dei dipendenti, quelli non in cassa integrazione, abbiano maturato quote di retribuzione ancora mai pagate».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV