Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
Villa Santa Teresa

Case di cura

Interrogazione all'Ars di Apprendi (Pd)

Villa Santa Teresa acquistata dalla Regione? Scoppia il caso: «Prima si faccia chiarezza sui debiti»

Nelle scorse settimane l'assessore Gucciardi aveva annunciato l'avvio di una trattativa con l'Agenzia dei Beni confiscati per acquistare l'immobile che ospita la clinica. Ora il deputato Pino Apprendi (Pd) presenta un'interrogazione all'Ars: «Servono uno studio di fattibilità economica e un parere dell’avvocatura dello Stato».

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «È necessario che l’eventuale acquisizione di Villa Santa Teresa da parte del Governo regionale sia subordinata ad uno studio di fattibilità economica ed a una richiesta di parere all’avvocatura dello Stato».

Lo dice il parlamentare regionale del Pd Pino Apprendi che ha presentato un’interrogazione parlamentare sul tema relativo alla clinica di Bagheria, che fu di Michele Aiello (l’imprenditore condannato a 15 anni e 6 mesi per associazione mafiosa).

Nelle scorse settimane l’assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi, aveva annunciato l’avvio di una trattativa con l’Agenzia dei Beni confiscati per acquistare l’intero immobile che ospita la clinica. Il costo presunto dovrebbe essere almeno 25 milioni di euro, anche perché l’immobile è gravato da un mutuo acceso dall’amministrazione giudiziaria.

«L’acquisizione del complesso ospedaliero di Bagheria, attualmente sede di un polo oncologico di eccellenza e sede distaccata in Sicilia dell’Istituto Ortopedico “Rizzoli” di Bologna non può essere presa in considerazione- spiega Apprendi – senza un’analisi dettagliata dell’esposizione debitoria del complesso e del mutuo contratto da chi ha gestito la struttura negli ultimi anni».

«Un’analisi accurata- continua il deputato del Pd- è indispensabile anche per programmare un eventuale adeguamento delle apparecchiature, certamente all’avanguardia all’epoca dell’acquisto, ma che potrebbero essere, o diventare nel giro di poco tempo obsolete e non adatte al servizio di eccellenza che si vuole offrire ai pazienti».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati