Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
consulenze legali stabilizzazioni agitazione amministrativi sciopero piano triennale precari Tar asp palermo ricorsi

ASP e Ospedali

La protesta

Vertenza sui precari amministrativi, all’Asp di Palermo stato di agitazione dei sindacati

Dopo la Fials annunciano manifestazioni di protesta anche Cgil, Cisl ed Uil, sollecitando le stabilizzazioni.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Si allarga sempre più la vertenza relativa alla stabilizzazione dei 651 precari amministrativi dell’Asp di Palermo (clicca qui).

Cgil, Cisl e Uil, hanno proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori a tempo determinato dell’Azienda sanitaria provinciale. “Nonostante il quadro normativo indichi il percorso per il superamento del precariato – dichiarano Mario Scialabba (Fp Cgil), Gaetano Mazzola (Fp Cisl) e Giuseppe Amato (Uil Fpl) – i vertici dell’azienda non hanno avviato le procedure necessarie, tanto da aver determinato una situazione di stallo”.

Ed aggiungono: “Al termine dell’assemblea svoltasi venerdì 23 febbraio, è stato stabilito di proclamare lo stato di agitazione, anche in previsione di un eventuale sciopero generale, per sensibilizzare il management aziendale e l’assessorato regionale alla Salute su questa vertenza”.

Domani, martedì 27 febbraio, prevista un’assemblea sit-in, nella sede legale dell’Asp di Palermo, in via Giacomo Cusmano. Oggi, invece, a manifestare presso l’aula Vignicella (via La Loggia n .5) sarà la Fials- Confsal.

Ecco la replica dell’Asp, inviata nei giorni scorsi ad Insanitas: «La stabilizzazione dei precari è una delle nostre assolute priorità, consapevole dell’altissimo ed indispensabile contributo professionale che questi lavoratori hanno sempre dato e continuano a dare all’Azienda. In atto c’è una continua interlocuzione con l’Assessorato alla Salute per proseguire nel percorso finalizzato alla definitiva soluzione del precariato. Una soluzione da adottare- percorrendo tutte le “strade” possibili- chiaramente nel rispetto della normativa vigente ed in pieno accordo con gli organismi regionali».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati