Vendita su internet dei farmaci da banco: altrove è partita, ma in Sicilia ancora nulla di fatto…

31 Marzo 2016

Nelle farmacie della nostra Regione il servizio online non è stato finora attivato, tuttavia si annunciano novità positive: entro metà aprile, infatti, l'assessorato della Salute dovrebbe emanare l'apposito nullaosta.

 

di

PALERMO. Già attiva in molte regioni d’Italia, in Sicilia la vendita online dei farmaci da banco ancora tarda. Tuttavia sembra che finalmente sia in dirittura di arrivo: da Federfarma Palermo, infatti, fanno sapere che entro metà aprile l’assessorato della Salute dovrebbe emanare una circolare per concedere questa opzione pure alle farmacie della nostra regione.

Subito dopo Federfarma curerà l’informazione ai propri affiliati. Alla fine dell’iter, i siti internet delle farmacie autorizzate dal ministero della Salute alla vendita online di quei farmaci saranno riconoscibili da un apposito bollino (vedi qui giù):

Arriva ufficialmente in Italia il logo europeo che identifica le farmacie autorizzate a vendere on line, Roma, 26 Gennaio 2016. ANSA/ US/ COMMISSIONE UE +++ NO SALES, EDITORIAL USE ONLY +++

Così come già avviene in altre regioni d’Italia, la vendita online sarà consentita esclusivamente per i farmaci da banco detti anche di automedicazione, ovvero quelli senza obbligo di ricetta del medico e non rimborsabili dal sistema sanitario. Per esempio: antipiretici, antinfiammatori e antidolorifici (come tachipirina, voltaren, moment, maalox, aspirina, lasonil, oki e così via).

Inoltre il prezzo di vendita online sarà lo stesso di quello che si trova nelle farmacie.

Intanto in tutta Italia cresce lentamente ma con regolarità il numero delle farmacie autorizzate alla vendita online dei farmaci da banco, che sono di due categorie: Sop (cioè senza obbligo di prescrizione, possono essere venduti solo su consiglio del farmacista e non possono essere reclamizzati al pubblico)  e Otc (“Over The Counter”, cioè sopra il banco: sempre senza obbligo di prescrizione, possono essere esposti al pubblico e pubblicizzati).

La normativa impone ai titolari di rivolgersi alle Regioni per chiedere l’autorizzazione alla vendita online, ma dalla mappatura effettuata nelle settimane scorse da Federfarma risulta che solo 14 amministrazioni su 21 hanno adottato le delibere necessarie.

Tra le sette regioni dove ancora non s’è deciso nulla c’è, appunto, la Sicilia. Anche se, come detto, la situazione potrebbe sbloccarsi entro aprile.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV