Policlinici

L'iniziativa

Vaccino antinfluenzale, equipe itinerante nei reparti del Policlinico Giaccone

Il personale sanitario dell'Ambulatorio vaccinale raggiungerà i pazienti più esposti a rischi da infezione.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Un’equipe itinerante tra i reparti del Policlinico per la somministrazione del vaccino antinfluenzale. Il personale sanitario dell’Ambulatorio vaccinale dell’AOUP “Paolo Giaccone” raggiungerà i pazienti maggiormente esposti a rischi da infezione direttamente nel reparto di degenza, alla vigilia delle dimissioni, con l’intento di informarli sulle complicanze dell’infezione e offrire loro la vaccinazione.

L’azienda ospedaliera universitaria, grazie all’impegno dei suoi professionisti- professori, ricercatori, dirigenti medici, infermieri, tecnici e tutti gli operatori sanitari- incrementa, dunque, le attività nell’ambito del suo impegno nell’umanizzazione delle cure, elemento essenziale per garantire la qualità dell’assistenza, e sulla sanità di prossimità, per avvicinare prevenzione, cure e riabilitazione ai cittadini.

Lo scopo dell’iniziativa è quello di coinvolgere la popolazione dei più “fragili“, di coloro che hanno più bisogno di essere protetti dalle possibili complicanze dell’influenza stagionale. Nonostante la solerzia delle istituzioni sanitarie, le coperture vaccinali contro l’influenza hanno sempre stentato a raggiungere i livelli desiderati e la popolazione più a rischio, in particolar modo, è risultata difficile da raggiungere con le più tradizionali strategie di offerta vaccinale.

«Il Policlinico- spiega il professore Francesco Vitale, direttore dell’Epidemiologia clinica con registro tumori dell’azienda ospedaliera universitaria- è l’azienda con più alta percentuale di vaccinazione di operatori sanitari grazie al nostro ambulatorio interno, che offre grande flessibilità negli orari di apertura per conciliare le diverse esigenze. Ora abbiamo fatto un passo in più nella direzione della prevenzione di prossimità per andare incontro alle persone fragili e offrire loro, al momento delle dimissioni, dunque in un ambiente protetto quale è l’ospedale, la possibilità della vaccinazione. In questo modo il cittadino non dovrà successivamente spostarsi da casa e raggiungere nuovamente una struttura sanitaria».

Il Commissario dell’AOUP, Alessandro Caltagirone, commenta: «L’iniziativa, che aderisce alle indicazioni dell’Assessorato della salute, concilia l’offerta di vaccinazione per i pazienti fragili in fase di dimissioni, e dunque la prevenzione, con l’efficienza organizzativa».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche