Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
cimo concorsi primari Cimo Agrigento direttori amministrativi

Dal palazzo

La nota Cimo

«Vaccinazioni, gli operatori sanitari siano retribuiti per tutte le ore di lavoro svolte»

Giuseppe Riccardo Spampinato, segretario regionale del sindacato: «Si applichi la disposizione derogatoria alla norma ordinaria sul tetto massimo».

Tempo di lettura: 2 minuti

«Le vaccinazioni in Sicilia procedono speditamente, grazie anche all’impegno del personale sanitario reclutato per far fronte ad un impegno senza precedenti. Decine, centinaia di operatori sanitari, ma anche di personale amministrativo, ha aderito entusiasticamente all’invito rivolto dalle istituzioni nazionali e regionali. Questo personale ha raddoppiato o triplicato i propri sforzi e i proprio turni di lavoro e adesso si aspetta di essere retribuito, come previsto dalla normativa nazionale che ha stanziato risorse ad hoc. Ma, arrivati al dunque, quegli stessi operatori sanitari che hanno fatto tutti gli sforzi possibili per garantire turni di 12 o addirittura di 24 ore presso gli Hub vaccinali oggi si sentono dire che forse non potranno essere pagati perché … hanno lavorato troppo». Lo afferma Giuseppe Riccardo Spampinato (nella foto), Segretario Regionale CIMO-FESMED.

«Il pretesto di alcune Aziende è che è stato sforato il tetto massimo dell’orario di lavoro ordinariamente previsto dalla normativa europea e dai contratti di lavoro- aggiunge- Peccato che in quest’ultimo anno di ordinario non ci sia stato proprio nulla e comunque la stessa direttiva europea del 2003 prevede apposite deroghe in situazioni particolari come per assicurare prestazioni necessarie e continuative negli ospedali o in strutture analoghe. Nessun divieto tassativo, dunque, anzi una precisa disposizione derogatoria alla norma ordinaria per cause di necessità. Non vorremmo che il Covid non venga considerato tra queste».

Per tali motivi CIMO-FESMED ha invitato l’assessore della Salute, Ruggero Razza, «ad attivarsi per la soluzione del problema e al contempo per ricordargli che anche i lavoratori titolari dei benefici ex Legge 104 hanno il diritto a svolgere prestazioni aggiuntive come già rappresentato al Presidente Musumeci non più tardi di otto giorno fa, prima del ritorno di Razza alla guida dell’Assessorato».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati