Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

La nota del sindacato

Vaccinatori, infermieri pagati la metà rispetto ai medici: in Sicilia scoppia la protesta

A denunciare la disparità di trattamento economico è la segreteria regionale di Fsi-Usae guidata da Calogero Coniglio.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. In Sicilia c’è disparità di trattamento economico tra medici e infermieri vaccinatori: è quanto denuncia la segreteria regionale di Fsi-Usae guidata da Calogero Coniglio (nella foto) con una nota inviata al presidente della Regione, in cui il sindacato mette sotto accusa gli avvisi pubblicati dalle aziende sanitarie siciliane per il reclutamento di personale medico e infermieristico per lo svolgimento di prestazioni aggiuntive finalizzate, appunto, all’effettuazione delle vaccinazioni anti Covid presso i centri vaccinali.

«Alcune aziende prevedono 60 euro per i medici e 30 per gli infermieri. Tutto ciò è irragionevole, la FSI-USAE non riesce a capire quali siano i criteri di tali scelte e quali siano le ragioni  per cui gli infermieri siano trattati come professionisti di serie B. Forse l’iniezione sottocutanea è una procedura che richiede delle ‘‘mani di fata’’ che gli infermieri non hanno? I medici secondo diversi rapporti nazionali ed europei non si possono di certo lamentare, anzi non possono che sorridere guardando le proprie tasche. Riteniamo la scelta della Regione Siciliana anomala e discriminante, gli infermieri si sono resi disponili a partecipare alla campagna vaccinale anti Covid, pertanto per difendere la loro dignità e per salvaguardare la salute di tutti i cittadini chiediamo che vengano utilizzati gli stessi criteri applicati per il medico».

Oltre a Coniglio, la nota è firmata pure dai componenti della Segreteria Regionale: Salvatore Ballacchino, Renzo Spada, Pier Paolo Di Marco, Maurizio Cirignotta, Salvatore Di Natale e Salvatore Bracchitta

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati