Ustioni e traumi: come soccorrere? Ecco l’iniziativa alla “Città dei bambini di Misilmeri”

23 Marzo 2019

Nel corso del progetto (selezionato dalla Fondazione Impresa sociale “Con i bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile) sono state impartite alcune nozioni dall’infermiere Agostino D’Agati e dal soccorritore e istruttore di BLS-D Antonella Fortunati, volontari dell’Associazione Infermieristica villabatese.

di Valentina Grasso

MISILMERI. Come soccorrere in caso di ustioni o emorragie? E ancora, in seguito a traumi, avvelenamenti o morsi di animali e insetti? Il tema è stato trattato nell’ambito del progetto “La città dei bambini” di Misilmeri (selezionato dalla Fondazione Impresa sociale “Con i bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile).

Tra gli intervenuti nella sede dell’omonimo Polo educativo per l’Infanzia l’infermiere Agostino D’Agati e la soccorritrice e istruttrice di BLS-D Antonella Fortunati, volontari dell’Associazione Infermieristica villabatese.

Al centro dell’incontro le principali nozioni per distinguere un’emorragia interna da una esterna, per evitare situazioni a rischio di avvelenamento o intossicazioni, per intervenire in caso di morso di zecca, di vipera o in caso di ustioni da meduse e infine per curare abrasioni e ferite del proprio bambino fino a sapere riconoscere un trauma cranico.

“Le emorragie possono essere suddivise in interne ed esterne. Le emorragie sono interne- spiega Agostino D’Agati – nel momento in cui riguardano cavità come quella addominale o della scatola cranica e sono quelle che non sono valutabili ad occhio nudo. Quelle esterne invece sono visibili e l’importante è saperle distinguerle in arteriosa o venosa”.

Per evitare un morso di zecca invece “è meglio prevenire nel caso in cui siamo certi che nel luogo in cui dobbiamo recarci ci sono delle zecche. Dal momento in cui ci accorgiamo della presenza di una zecca bisogna rimuoverla per intero per evitare infezioni”, sottolinea Antonella Fortunati.

Nel video la presentazione dell’iniziativa da parte di Francesco Albano, responsabile del progetto “La città dei bambini”, le indicazioni da parte di Agostino D’Agati sulle emorragie e i consigli di Antonella Fortunati in caso di ustione o morso di zecca.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV