Una corretta alimentazione per prevenire il diabete: a Palermo iniziativa di medici dell’Ismett e chef

5 Luglio 2016

Anna Casu (responsabile dell’Unità di Diabetologia e Trapianto di Insulae Pancreatiche dell’Ismett) e lo chef Pietro Pupillo venerdì 8 luglio saranno protagonisti del primo degli incontri del ciclo “Mangiare sano”. L'evento è organizzato a Sanlorenzo Mercato in collaborazione con UPMC.

 

di

PALERMO. Con oltre 290mila casi, la Sicilia si colloca al terzo posto tra le regioni italiane per numero di diabetici rapportato al numero degli abitanti (5,8% contro la media nazionale del 5,5%; Istat 2012), con un indice di mortalità che è superiore a quello del resto del Paese. Nell’Isola ci sarebbe inoltre il 30-50% di diabetici ancora non diagnosticati, percentuale che porterebbe i siciliani portatori della malattia a oltre 400mila.

Come prevenirlo? Prima di tutto, con una corretta alimentazione. Ne è convinta la dottoressa Anna Casu  (nella foto, responsabile dell’Unità di Diabetologia e Trapianto di Insulae Pancreatiche dell’Ismett) che venerdì 8 luglio, a partire dalle 19, sarà la protagonista del primo degli incontri del ciclo “Mangiare sano”, organizzati a Sanlorenzo Mercato in collaborazione con UPMC (University of Pittsburgh Medical Center), il partner americano che a Palermo gestisce l’Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione.

Al centro dell’intervento della dottoressa Casu saranno gli stili di vita che caratterizzano il nostro comportamento a tavola, dall’apporto di grassi alle quantità di cibo che mangiamo abitualmente, fino alla scelta delle materie prime.

Accanto a lei, lo chef Pietro Pupillo, esperto di dieta mediterranea e alimentazione sana, che per l’occasione preparerà dal vivo, con la collaborazione di altri chef dell’Associazione Provinciale Cuochi e Pasticceri di Palermo, una ricetta in linea con i principi della dieta mediterranea: una pasta di grani antichi siciliani, con un condimento a base di legumi secchi e pesce azzurro.

Recenti ricerche, tra cui quelle condotte dal Consorzio Ballatore, attestano che il grano duro siciliano è altamente digeribile perché ha un quantitativo di glutine nettamente inferiore rispetto ad altri grani, ha un basso indice glicemico ed è inoltre meno esposto dalle specie funginee che producono micotossine, dalla forte azione tossica a livello cancerogeno.

La dott.ssa Anna Casu è medico endocrinologo, responsabile dell’Unità di Diabetologia e Trapianto di Insulae Pancreatiche dell’Ismett. Dal 2004 al 2009 ha lavorato presso i laboratori del dipartimento di Immunogenetica del Children’s Hospital di Pittsburgh della University of Pittsburgh Medical Center collaborando strettamente con i colleghi dell’istituto dei trapianti della stessa università, occupandosi in prima persona di modelli di xenotrapianto di isole pancreatiche per la cura del diabete e dei vari aspetti del metabolismo nelle diverse specie.

Nel 2009 ha accettato la posizione di diabetologo presso l’Ismett dove conduce attività clinica e di ricerca. I suoi principali campi di interesse riguardano: il diabete post-trapianto d’organo, il trattamento dell’obesità con tecniche endoscopiche come primum movens delle insufficienze terminali d’organo, il trattamento del diabete tipo 1 mediante trapianto di pancreas e di isole pancreatiche anche grazie a studi per l’ottimizzazione delle tecniche di isolamento, agenti per l’imaging delle isole pancreatiche e applicazione di metodi per migliorare i risultati del trapianto.

Nell’ambito di questo ultimo argomento, è co-investigatore dello studio NEXT, finanziato dalla Comunità Europea per la produzione di isole ingegnerizzate resistenti al rigetto.

Lo chef Pietro Pupillo, nato a Castelbuono, è un punto di riferimento in Sicilia per il legame indissolubile tra la salute e gli stili di vita legati all’alimentazione, grazie al suo approccio alle materie prime nella loro componente nutrizionale e salutistica.

Da alcuni anni gira l’Europa come partner di diversi progetti che correlano alimentazione e prevenzione delle malattie oncologiche: il Tanit seguito dalla Dott.ssa Nicoletta Salviato (Arnas Civico) e il Diana-5 (dell’Istituto Tumori di Milano) seguito dalla dottoressa Adele Traina.

Pupillo è inoltre membro del comitato esperti di IDIMED, Istituto per la Promozione e la Valorizzazione della Dieta del Mediterraneo, che promuove e valorizza i principi della dieta tradizionale siciliana, indicandola come strumento di prevenzione primaria delle malattie metaboliche, cronico-degenerative e oncologiche.

Infine, è tra i più importanti esponenti del Culinary Team, gruppo dell’Associazione Provinciale Cuochi e Pasticceri Palermo, attivo nelle più prestigiose competizioni internazionali di cucina.

  • Sanlorenzo Mercato

  • Pietro Pupillo

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV