Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Stasera si esibisce Massimo Spata

Un piccolo grande aiuto per chi soffre: Modica, serata di beneficenza per l’Hospice delle cure palliative

Stasera si esibisce Massimo Spata, cabarettista e pure volontario all'Hospice: «Grazie a questo spettacolo sarà possibile conoscere meglio le attività della struttura e come cerchiamo di dare sollievo ai malati e alle loro famiglie; è un posto dove la gente riacquista la dignità di vita». Appuntamento dalle ore 20,30 all'Hostaria della Musica, biglietto 10 euro.

Tempo di lettura: 2 minuti

MODICA. È tutto pronto per la serata di beneficenza di stasera (mercoledì 3 agosto) in favore dell’Hospice dell’ospedale Maggiore di Modica, la struttura che accoglie pazienti in stadio terminale e che, grazie al lavoro dei volontari e dello staff medico in forza al reparto, cerca di rendere i momenti finali della vita dei pazienti più sereni.

L’evento si terrà all’Hostaria della Musica di Modica e avrà il costo di 10 euro (per informazioni 0932.754804 e 331.951530).

Il ricavato servirà per la realizzazione di progetti e di attività risocializzanti, ricreativi ed occupazionali. A partire dalle 20.30 il cabarettista Massimo Spata sarà protagonista dell’evento e in doppia veste: sarà lui ad intrattenere il pubblico che vorrà aderire alla raccolta fondi, ma lui è anche uno dei volontari del Presidio ospedaliero, da tempo punto di riferimento per le cure palliative dei malati terminali.

«Da un po’ di tempo, faccio il volontario all’Hospice del Maggiore -ci dice Massimo Spata- Alla vita, credo si possa dare un senso anche attraverso le opere di bene; grazie a questo spettacolo sarà possibile conoscere meglio le attività della struttura, come cerchiamo di dare sollievo ai malati e alle loro famiglie; è un posto dove la gente riacquista la dignità di vita. E anche attraverso una risata, un caffè, la possibilità di scambiare due chiacchiere».

Qualche mese fa l’Hospice ha rischiato di chiudere e di essere trasferito al Busacca di Scicli, dopo che diversi lavori di ristrutturazione erano stati realizzati per cercare di rendere un luogo ospedaliero il più accogliente e famigliare possibile. Per fortuna, si trovò una soluzione alternativa e sebbene i locali siano recenti e le attrezzature nuove, c’è sempre qualcosina in più che si potrebbe fare. E dunque ecco la serata di beneficenza.

«Il volontariato- dice ancora Massimo Spata- un gesto di generosità non richiesta, genera altra generosità e magari, a lungo andare, se tutti ragionassimo così, potremmo salvare una società che definisco morente. Insieme agli altri volontari abbiamo preso in prestito una frase per descrivere il lavoro che facciamo all’Hospice: curiamo l’incurabile. Quando la medicina arretra e non dà più speranze, arriviamo noi a curare i malati terminali con un sorriso. La serata serve a questo: alla fine dobbiamo vivere con serenità e gioia e pensare sempre che da questa vita, non è mai uscito vivo nessuno!».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati