ASP e Ospedali

"Make Sense"

Tumori testa-collo, screning gratuiti al Cannizzaro

Il 20 e 22 settembre dalle 10.30 alle 12.30 nell'Ambulatorio di Otorinolaringoiatria e Patologie cervico-facciali (edificio Q, piano I).

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA. La Divisione di Otorinolaringoiatria dell’Azienda Ospedaliera per l’Emergenza Cannizzaro ha aderito anche quest’anno alla campagna di prevenzione dei tumori del distretto testa-collo promossa in Italia dall’Associazione Italiana di Oncologia Cervico-Cefalica (AIOCC), nell’ambito delle giornate europee “Make Sense”.

Mercoledì e venerdì prossimi (20 e 22 settembre), dalle 10.30 alle 12.30, nell’Ambulatorio di Otorinolaringoiatria e Patologie cervico-facciali (edificio Q, piano I), sarà pertanto possibile sottoporsi a screening per sospette patologie neoplastiche del distretto testa-collo. Non serve prenotazione, l’accesso seguirà l’ordine di arrivo.

La struttura complessa di Otorinolaringoiatria dell’Ospedale Cannizzaro, diretta dal dott. Vincenzo Saita, consolidato punto di riferimento nel trattamento delle patologie della laringe oncologiche e non, tratta ogni anno circa 500 casi di tumori e lesioni precancerose della laringe, che uno screening può contribuire a diagnosticare tempestivamente. Con questo obiettivo, grazie anche al pieno supporto della Direzione Aziendale, rinnova ogni anno l’adesione alla “Make Sense Campaign”.

Nel 2020, solo in Italia, a 9.900 persone è stato diagnosticato un tumore testa-collo e 4.100 non sono sopravvissute alla malattia (fonte: “I numeri del cancro 2022”, AIOM), cifre che fanno del carcinoma della testa e del collo il settimo tumore più comune in Europa, con un’incidenza di circa la metà rispetto al cancro del polmone ma di due volte superiore a quello del collo dell’utero.

“Hai la testa a posto? 1 sintomo per 3 settimane, 3 settimane per 1 vita” è il motto dell’edizione italiana 2023 dell’iniziativa: 1per3 è infatti la regola da tenere sempre a mente quando si tratta dei sintomi dei carcinomi cervico-cefalici, spesso ignorati o associati a malattie stagionali come un comune mal di gola o un raffreddore. Una rapida comprensione delle avvisaglie della malattia è cruciale per una diagnosi precoce, in presenza della quale il tasso di sopravvivenza sale all’80-90%, contro un’aspettativa di vita di soli 5 anni per coloro che scoprono la malattia in fase avanzata (ibidem).

Gli esperti sono d’accordo nel dire che, se presente anche solo uno di questi sintomi per tre settimane o più, è necessario rivolgersi al medico: dolore alla lingua, ulcere che non guariscono e/o macchie rosse o bianche in bocca; dolore alla gola; raucedine persistente; dolore e/o difficoltà a deglutire; gonfiore del collo; naso chiuso da un lato e/o perdita di sangue dal naso.

L’elenco completo dei centri medici che partecipano all’iniziativa è disponibile sul sito dell’AIOCC (www.aiocc.it).

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche