Dal palazzo

Ad Enna

Tumore dello stomaco, formazione in sinergia tra Ordine dei Medici e Umberto I

Dal percorso di diagnosi, alla cura, ai bisogni dei pazienti. Obiettivo: la comunicazione tra medici del territorio e medici ospedalieri.

Tempo di lettura: 4 minuti

ENNA. “Tumori dello stomaco: dal percorso di diagnosi, alla cura, ai bisogni dei pazienti”, si intitola così il corso di formazione tenutosi all’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Enna in collaborazione con la Chirurgia generale dell’Umberto I.

Il tumore allo stomaco è la quarta neoplasia più frequente per incidenza e la seconda causa di morte per neoplasia al mondo. In Italia 12.700 nuovi casi, vi sono stati circa 10.000 decessi nel 2018. Il numero di nuovi casi per anno di tumori dello stomaco in Italia è 32,7 per 100.000 maschi e 16,5 per 100.000 donne. Con un decremento significativo sia negli uomini (- il 2,6%) che nelle donne (il -2,8%).

I fattori di rischio sono classificabili in tre tipologie: ambientali (inquinamento atmosferico, fumo di sigaretta; tipo di lavoro svolto quindi contatto con il ferro, con il silicio, con il carbone, con gli erbicidi etc), genetici (quali il gruppo sanguigno A oppure la produzione di transmetilasi), dietetico-alimentari. Le condizioni precancerose ovvero il gruppo di patologie benigne dello stomaco associata ad un rischio neoplastico più elevato rispetto alla popolazione normale sono: la gastrite cronica atrofica, l’ulcera gastrica, i polipi, la malattia di Ménétrier e il moncone gastrico. Per quanto riguarda i sintomi e i segnali specifici – spesso causa di un ritardo diagnostico – sono: l’epigastralgia, la dispepsia, l’anemia ipocromiche, il dimagrimento, l’anoressia, la disfagia, il vomito alimentare).

«Questo incontro- ha dichiarato il Presidente dell’OMCeO, Renato Mancuso– si inscrive in un gruppo di eventi che l’Ordine dei Medici di Enna sta organizzando insieme ai diversi operatori sanitari della nostra sanità ennese iniziando con la Chirurgia dell’Umberto I, che vuole far conoscere l’offerta sanitaria del reparto. Molto spesso i fenomeni di mobilità passiva sono dovuti al fatto che non sempre la comunicazione è stata sufficiente e/o efficace e i nostri concittadini sono portati a fuggire verso altri presidi, non sapendo che gli stessi trattamenti è possibile averli fatti a casa propria. Avendo, tra l’altro, eccellenze di primo piano è giusto fare conoscere queste aree di buona sanità, in un momento drammatico per il sistema sanitario pubblico».

L’idea di questi eventi è dunque quella di rendere collaborativi i medici che operano sul territorio con i medici ospedalieri (in particolar modo quelli dell’ospedale Umberto I nostro punto di riferimento), determinando una migliore resa per i pazienti.

«Analizzando i dati della mobilità passiva- dichiara Danilo Centonze, primario di Chirurgia e responsabile scientifico dell’evento- è vero che nel nostro territorio si sono ridotti notevolmente ma potenzialmente possiamo dare di più. Vi sono tanti metodi: aumentare l’attrattività chirurgica e assistenziale, ma quello più efficace e più valido è cercare di dare uno standard assistenziale quanto più elevato possibile e un altro elemento essenziale è creare una solida sinergia con il territorio, perché il paziente va accompagnato in questo percorso in maniera graduale e continuativa. Cercheremo di essere sempre al passo della medicina basata sulle evidenze, sia dal punto di vista chirurgico che assistenziale e soprattutto umano e speriamo che i riscontri ci siano».

Le tecniche adoperate dalla Chirurgia dell’Umberto I di Enna e illustrate durante il corso di formazione sono soprattutto quelle mini-invasive, dunque in laparoscopica per velocizzare i tempi di guarigione del paziente, però ogni caso va studiato a sé e anche il trattamento.

I quattro eventi, che si susseguiranno, sono volti alla compartecipazione di tutte le figure che servono al paziente oncologico, dal medico di medicina generale, alla Chirurgia oncologica e all’Oncologia, entrambi reparti presenti all’Umberto I, e al supporto nutrizionale che è importante per i pazienti che raggiungono il fine vita. Questo è il fil rouge di questi quattro incontri che vedranno come argomenti: il carcinoma dello stomaco, del colon-retto; del fegato e delle vie biliari e, infine, il carcinoma del pancreas e le lesioni benigne e neuroendocrine del pancreas.

«Questi quattro incontri- spiega la dottoressa Noemi Rinaldi, componente del consiglio direttivo dell’Ordine e medico di medicina generale- progrediranno verso altre tematiche che avranno sempre lo stesso filo conduttore: la comunicazione tra medici del territorio e medici ospedalieri».

Direttore del corso il presidente dell’OMCeO, dottore Renato Mancuso; il responsabile scientifico Danilo Centonze, primario della Chirurgia generale di Enna; relatori i medici: Annalisa Bonasera, Illuminato Calandra, Riccardo Gula, Alessio Licciardello, Carla Linguanti, Andrea Quattrocchi, Linda Scarpello.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche