Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

Il riconoscimento

Tumore al seno, siciliano premiato come “laudato medico” nel nome di Umberto Veronesi

Il Riconoscimento istituito nel 2017 da Europa Donna Italia si basa sulle segnalazioni dei pazienti ed è andato tra gli altri a Giuseppe Di Martino (Chirurgia Generale, ASP Caltanissetta- Ospedale Vittorio Emanuele di Gela)

Tempo di lettura: 2 minuti

Accoglienza, chiarezza, positività sono i pilastri di ogni buona relazione di cura: questo il pensiero del Professor Umberto Veronesi che Europa Donna Italia intende promuovere e diffondere tra i medici, in particolare quelli delle nuove generazioni.

Qualità e attitudini valorizzate con il “Riconoscimento U. V. al Laudato Medico”, istituito nel 2017 da Europa Donna Italia: un modo semplice e diretto attraverso il quale le pazienti con tumore al seno possono segnalare i medici che nei Centri di senologia multidisciplinari hanno saputo più di altri trasmettere empatia, umanità e vicinanza.

Anche per questa edizione Fondazione MSD supporta in modo incondizionato il progetto sposandone la filosofia di attenzione alla persona nel percorso di cura.

Quest’anno sono state ben 4.968 le segnalazioni delle pazienti, con un incremento del 43% rispetto alla prima edizione, a conferma di quanto l’iniziativa riscuota apprezzamento.

E sono stati proclamati i quattro specialisti che, nelle diverse categorie (oncologo, chirurgo, radioterapista e radiologo) hanno ricevuto il maggior numero di segnalazioni per l’empatia e l’umanità dimostrate, tra cui un medico siciliano: il chirurgo Giuseppe Di Martino, Dirigente Medico UOS di Chirurgia Generale, ASP Caltanissetta- Ospedale Vittorio Emanuele di Gela.

«La risposta è stata anche quest’anno superiore alle aspettative e questa conferma da parte delle pazienti ci incoraggia nella scelta di perpetuare, attraverso questa iniziativa, una parte essenziale dell’insegnamento di Umberto Veronesi- dichiara Rosanna D’Antona, Presidente Europa Donna Italia– Questo progetto, che tre anni fa abbiamo avviato un po’ come una scommessa, risponde a un’effettiva e duplice necessità: delle pazienti, che desiderano evidenziare la buona pratica nei loro medici; e della classe medica, che ha bisogno di essere sensibilizzata sull’importanza di curare anche la componente umana attraverso il dialogo e l’ascolto per lenire l’ansia, la sofferenza, il malessere interiore».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati