Dal palazzo

Presidenza della Repubblica

Tumore al seno, delegazione di “Europa Donna Italia” al Quirinale da Mattarella

Per i 30 anni del movimento nato da un’idea del Professor Umberto Veronesi con l’obiettivo di tutelare i diritti alla prevenzione e alla cura.

Tempo di lettura: 3 minuti

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto in udienza al Quirinale una delegazione di Europa Donna Italia, per i trent’anni del movimento nato da un’idea del Professor Umberto Veronesi con l’obiettivo di tutelare i diritti alla prevenzione e alla cura del tumore al seno. Al centro dell’incontro: gli obiettivi raggiunti, le speranze e le attese per migliorare la vita delle donne che convivono con la malattia, e il ruolo speciale delle associazioni di pazienti nell’affiancare le istituzioni e le famiglie.

Sono stati ripercorsi i traguardi fondamentali di questi trent’anni di impegno: dal 1994 ad oggi Europa Donna ha dato voce, presso i tavoli istituzionali, a centinaia di migliaia di donne, contribuendo al raggiungimento di diritti che hanno cambiato radicalmente la storia del tumore del seno e il livello delle cure.

Per citarne alcuni: l’introduzione del programma di screening mammografico organizzato, la creazione delle Breast Unit, i centri multidisciplinari di senologia che hanno reso possibile una presa in carico migliore delle pazienti, la nascita di Europa Donna Parlamento – un’alleanza di 29 parlamentari di diversi schieramenti politici, impegnati a rappresentare i bisogni delle pazienti – e l’istituzione, dal 2021, di una Giornata nazionale dedicata al tumore al seno metastatico (13 ottobre) per accendere i riflettori sui bisogni, le richieste e le necessità delle donne che convivono con la malattia in fase avanzata.

Oltre alla Presidente di Europa Donna Italia, Rosanna D’Antona, il Capo dello Stato ha accolto la vicepresidente, Loredana Pau, il Coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico, Prof. Corrado Tinterri, due membri del Consiglio di Amministrazione, Paola Boldrini e Antonella Moreo, e un ristretto gruppo di Delegate regionali e presidenti di associazioni – Carmela Amato, Alessandra Ena, Valeria Martano e Adele Patrini – in rappresentanza delle 190 associazioni di pazienti di tutta Italia che afferiscono alla rete di Europa Donna.

«Nel corso del colloquio- ha evidenziato Rosanna D’Antona– il Presidente Mattarella ha dedicato una particolare attenzione proprio al lavoro svolto dalle associazioni di pazienti, a sottolinearne l’importanza. Unite nelle associazioni di volontariato, infatti, le donne svolgono un’attività fondamentale non solo nell’advocacy presso le autorità sanitarie regionali, ma anche supportando concretamente sul territorio le pazienti con tumore al seno, le loro famiglie e i caregiver. Le associazioni di volontariato informano, sensibilizzano, orientano, organizzano visite, assistono con professionalità e dedizione, compiendo un lavoro capillare e prezioso che contribuisce alla tutela di quel diritto alla salute sancito dalla nostra Costituzione, rinnovandolo in un impegno quotidiano».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche