infermieri catania istituzioni sanitarie denuncia guardia medica sicurezza

Torna le violenza in corsia, aggrediti due infermieri ad Agrigento

5 Luglio 2020

La reazione del presidente dell'Ordine degli Infermieri di Agrigento Salvatore Occhipinti: "Ci costituiremo parte civile"

 

di

Sembra davvero finito il “tempo degli eroi” che ha contraddistinto l’emergenza corona virus. La più triste conferma arriva da Agrigento dove è tornata la violenza in corsia. Nella notte fra giovedì e venerdì scorso due infermieri in servizio al Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero S. Giovanni Di Dio di Agrigento hanno subito un’aggressione da parte del figlio di una donna che doveva essere sottoposta ad una visita medica. L’ira dell’uomo, proveniente da un paese della provincia di Agrigento, sarebbe stata scatenata dalla lunga attesa. Quattro persone sono rimaste ferite, fra cui un infermiere ed  una guardia giurata.

“Qualunque sia stata la motivazione non si può giustificare l’aggressività e la violenza nei confronti del personale sanitario – dichiara il presidente dell’Ordine degli Infermieri di Agrigento Salvatore Occhipinti – pertanto l’OPI è pronto a costituirsi ancora una volta parte civile nel contenzioso tra gli infermieri ed i loro aggressori”.

“Da pochi giorni infatti, tramite il nostro legale, l’OPI ha presentato un atto di costituzione di parte civile nel procedimento penale n. R.G. 16/2020 – n. 222/19 R.G.N.R. a difesa del decoro e della professionalità di un nostro iscritto, aggredito in data 6 agosto del 2019 durante il servizio in Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero di Sciacca. L’infermiere è un professionista che agisce con professionalità e competenza nel rispetto del proprio Codice Deontologico la cui inosservanza,
a tutele degli assistiti, è sanzionata dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche. Pertanto l’OPI dichiara tolleranza zero alle aggressioni nei confronti degli infermieri” si legge in una nota diffusa dall’OPI di Agrigento.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV