Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

L'appello all'Asp

Tomografi di Patti e Sant’Agata di Militello, la Uil-Fpl: «Siano utilizzati a pieno regime»

Il sindacato sottolinea che ciò consentirebbe l'incremento delle prestazioni con ammortamento dei costi e notevoli risparmi sugli esborsi dovuti alle  strutture private convenzionate.

Tempo di lettura: 2 minuti

MESSINA. «Prendiamo atto che, a seguito delle numerose e pressanti richieste, segnalazioni e sollecitazioni della Uil-Fpl, l’ASP ha provveduto all’attivazione dei tomografi a risonanza magnetica degli ospedali di Patti e Sant’Agata Militello, acquistati molto tempo  prima, ma, nel contempo, non possiamo tacere la disattenzione nei rapporti con il sindacato per  avere omesso di tenerci al corrente nei tempi e modi dovuti».

Lo scrive Pippo Calapai (segretario generale Uil-Fpl, nella foto di Insanitas) in una nota indirizzata al commissario dell’Asp di Messina, aggiungendo: «Delle due attrezzature, per quanto ci risulta, quella installata a Patti è utilizzata limitatamente a qualche giorno alla settimana ed esclusivamente per gli ospedalizzati mentre quella  di Sant’Agata, pur essendo stata aperta agli assistiti del territorio, dopo qualche giorno ha subito un  guasto per cui attualmente è fuori uso. Tale situazione, a nostro parere, impone una riflessione  approfondita sui modi di acquisizione e manutenzione delle attrezzature; comunque, per quest’ultimo chiediamo l’immediato intervento ed il ripristino dell’attività assistenziale».

Calapai sottolinea: «Tra l’altro, un’utilizzazione a pieno regime per 12 ore al giorno e per tutta la settimana  consentirebbe l’incremento delle prestazioni con ammortamento dei costi in un periodo minore oltre  che maggiori introiti per l’ASP e, conseguentemente, notevoli risparmi sugli esborsi dovuti alle  strutture private convenzionate fugando, in tal modo, i dubbi su presunti cordoni ombelicali a  vantaggio di quest’ultime ed, altresì, l’abbattimento delle liste d’attesa che a causa dell’emergenza  Covid 19 si sono allungate a dismisura. Nel caso in cui- a causa dell’aumento delle prestazioni- si rendesse necessario l’implementazione del personale delle due unità operative, invitiamo l’Azienda a provvedere sulla  base degli effettivi fabbisogni».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati