Emergenza urgenza

Il 21 febbraio

Tariffe dei rianimatori dell’elisoccorso, l’assessorato alla Salute convoca i sindacati

Novità in vista sulla vertenza relativa alla richiesta di aumentare le tariffe, come sollecitato in particolare dall'Aaroi Emac.

Tempo di lettura: 1 minuto

PALERMO. Novità in vista sulla vertenza che vede gli anestesisti-rianimatori dell’elisoccorso siciliano reclamare l’adeguamento delle proprie tariffe. Con una nota a firma del dirigente generale della Pianificazione Strategica, Salvatore Iacolino (nella foto di Insanitas) i sindacati sono stati infatti convocati per il 21 febbraio 2024 nei locali dell’assessorato regionale alla Salute.

Il motivo, spiega l’invito, è “comunicazioni in merito alla richiesta di rimodulazione delle tariffe relative alle prestazioni dei medici anestesisti-rianimatori dipendenti del Sistema sanitario regionale e impegnati nel 118”.

Un incontro urgente era stato sollecitato già alcuni mesi fa in particolare dall‘Aaroi-Emac sezione Sicilia, come ribadisce ora ad Insanitas il presidente regionale Gianluigi Morello: «Essendosi ad oggi rivelate infruttuose le trattative con l’assessorato alla Salute, a far data dal 1 marzo in alcune, se non tutte, le elibasi 118 della Sicilia non presteranno più servizio i Medici Anestesisti-Rianimatori. È opportuno ricordare che prestano servizio sui mezzi del 118 su base volontaria e percepiscono la tariffa più bassa d’Italia, ferma a circa 40euro/h. In ragione del non adeguamento delle tariffe, tale attività volontaria ben presto non sarà più garantita e potranno verificarsi interruzioni di pubblico servizio». Tuttavia, come detto, ora c’è la convocazione dell’assessorato per comunicazioni in merito.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche