uil fpl enzo tango

Dal palazzo

L'emergenza Coronavirus

Tango (Uil Fpl): «Ospedali pieni, ma mancano i tamponi e i reparti sono in tilt»

Il sindacalista sottolinea: «Con massima urgenza sollecitiamo un intervento da parte delle istituzioni. È necessario, inoltre, il reclutamento stabile del personale sanitario».

Tempo di lettura: 1 minuto

PALERMO. «Ospedali presi d’assalto dai pazienti Covid, con personale allo stremo e dove mancano i controlli. A peggiorare la situazione anche la mancanza, che si registra ormai da giorni, di tamponi». Questa la denuncia di Enzo Tango (nella foto), segretario della Uil Fpl Sicilia, che continua: «Nelle strutture ospedaliere palermitane il numero di personale e pazienti positivi al Covid è in aumento. E tra l’altro con la mancanza di tamponi si rischia di mandare in tilt tutti i reparti e gli uffici. Abbiamo già denunciato questa emergenza e il silenzio della politica è inaccettabile».

Il sindacalista aggiunge: «Si tratta di lavoratori in prima linea da anni, a cui adesso non viene più garantita la sicurezza. Per questo con massima urgenza sollecitiamo un intervento da parte delle istituzioni. È necessario, inoltre, il reclutamento stabile del personale sanitario, indispensabile per la gestione della pandemia. Non è possibile andare avanti con contratti brevi».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche