Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
tamponi antonio cascio

Dal palazzo

Coronavirus

Tamponi solo ai sintomatici? «Non basta, così non fermeremo i contagi»

L’infettivologo Antonio Cascio: “Dobbiamo seguire l’esempio della Corea, quarantena più stretta e tamponi anche agli asintomatici”

Tempo di lettura: 2 minuti

Nelle prossime 2 settimane purtroppo e molto verosimile che anche in Sicilia aumenteranno le diagnosi di polmonite da nuovo coronavirus e che un numero sempre maggiore di pazienti dovrà ricorrere a cure intensive. Correttissime, ma probabilmente non sufficienti saranno le misure di distanziamento sociale che hanno fondamentalmente lo scopo di evitare che troppe persone si ammalino nello stesso intervallo temporale saturando i posti in terapia intensiva.

In atto le persone risultate positive al tampone o sono ricoverate in ospedale o al proprio domicilio dove vengono regolarmente seguiti, tutti i contatti stretti sono in quarantena …. ma siamo sicuri che misure di quarantena sono strettamente rispettate? Sarebbe corretto che persone in quarantena eseguissero magari ogni 4 giorni il tampone e a casa propria non dovrebbero essere a contatto stretto con i propri familiari…

Se vogliamo che la curva epidemica non continui a salire in maniera esponenziale, a parte le corrette misure di distanziamento sociale, dovremmo fare applicare bene le misure di quarantena ai contati stretti e soprattutto dovremmo molto banalmente fare quello che è stato fatto in Corea del Sud e che anche le Regione Veneto si sta apprestando a fare… aumentare l’offerta del tampone anche alle persone asintomatiche in maniera tale da isolarle se positive al test… ovviamente il test dovrà essere successivamente offerto prioritariamente a tutti i contatti stretti delle persone che verranno riscontrate positive.

italia corea

I Veneto (come si vede dal grafico) è già la regione italiana che ha eseguito più tamponi… le altre regioni dovrebbero seguire l’esempio prima che sia troppo tardi.

Ritengo quindi che debbano essere potenziati (più personale e più apparecchiature) i servizi di microbiologia in cui viene eseguito il test (augurandoci che prestissimo potranno essere disponibili test diagnostici molto più rapidi) e che siano potenziati anche i servizi di Igiene e Sanità Pubblica in maniera tale:

  1. a) che possano essere eseguiti più tamponi;
  2. b) le persone positive vengano poste in quarantena o ricoverate e a tutti i loro contatti possa essere garantita un’adeguata quarantena e l’esecuzione del test (ogni 4 giorni) per i successivi 14 giorni;
  3. c) i pazienti dimissibili dall’ospedale (perché clinicamente guariti), ma ancora positivi al test possano ritornare a casa e continuare l’isolamento fino a quando il test non sia ripetutamente negativo

tamponi in italia

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati