Dal palazzo

L'annuncio

Tamponi dai medici di famiglia, a Palermo scelte le aree pubbliche dove effettuarli

Lo fa sapere ad Insanitas il segretario regionale della FIMMG Sicilia, Luigi Galvano, sottolineando pure che i Dpi sono arrivati.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Passi in avanti per la discesa in campo dei medici di famiglia siciliani contro l’emergenza Coronavirus. Sono arrivati, infatti, i Dpi e i tamponi rapidi attesi per la partenza della campagna di screening sugli assistiti asintomatici (nei casi sospetti o tra i contatti stretti di un positivo).

Inoltre sono state designate le aree pubbliche palermitane in cui effettuare questi test: l’ex ospedale psichiatrico, la Casa del Sole, il presidio Guadagna, il PTA “Enrico Albanese” e  la Fiera del Mediterraneo.

Tuttavia, ciò non è ancora avvenuto per tutto il distretto sanitario, come conferma ad Insanitas il segretario regionale della FIMMG Sicilia, Luigi Galvano (nella foto), reduce da un vertice in assessorato alla Salute: «I Dpi e i tamponi sono arrivati, ma l’organizzazione è molto laboriosa e per questo motivo stiamo coinvolgendo anche i sindaci. Ci sono alcuni Comuni come Monreale, Belmonte Mezzagno, Piana degli Abanesi, Altofonte che sono critici per varie motivazioni e dobbiamo trovare il miglior modo per muoverci. Per esempio, Lercara Friddi è distante da Valledolmo circa 25 Km e dall’altro lato ha Prizzi e Palazzo Adriano alla stessa distanza. Quindi oggi abbiamo analizzato ogni situazione cercando di organizzare in breve tempo».

Gli studi medici idonei ad effettuare i tamponi in sede sono circa il 20%, mentre l’80% dei medici di famiglia andranno, appunto, nei luoghi pubblici. Proprio in questi giorni i medici stanno comunicando la loro disponibilità.

L’obiettivo, come già annunciato da Galvano ad Insanitas, è quello di sgravare le Usca da una parte del lavoro di screening finora a loro carico.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.