Dal palazzo

Intervento del deputato Apprendi

Stabilizzazione mancata per 23 precari a Villa Sofia- Cervello: il caso approda all’Ars

L'intervento del deputato regionale Apprendi.

Tempo di lettura: 1 minuto

PALERMO. «Il Governo regionale valuti se la stabilizzazione presso l’azienda ospedaliera Villa Sofia-Cervello di solo 15 dei 38 LSU aventi diritto non sia stata frutto di eccessiva autonomia interpretativa delle direttive». Il parlamentare regionale del PD Pino Apprendi (nella foto) chiede di fare luce sulle procedure adottate per la stipula dei contratti a tempo indeterminato di 15 lavoratori LSU con conseguente mancata assunzione di altri 23 aventi diritto (clicca qui e qui per leggere i precedenti articoli di Insanitas).

«Appare quantomeno paradossale la decisione della direzione generale dell’azienda- spiega Apprendi- che ha deciso di applicare in maniera retroattiva una direttiva assessoriale annullando in maniera parziale la delibera di reclutamento a tempo indeterminato di 38 lavoratori precari. È necessario emanare direttive chiare ed univoche che disciplinino in modo uniforme le procedure di assunzione dei precari in tutta l’Isola. Lavoratori che da anni prestano la loro opera hanno diritto ad essere tutelati e ad avere garanzie sul proprio futuro lavorativo».

Da Villa Sofia- Cervello preferiscono non replicare.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.