Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

Il commento

Sospensione della convenzione tra Asp di Messina e Giglio, il plauso della Uil Fpl

Calapai: "Evidentemente sono state colte delle criticità, dopo la nostra denuncia alla Procura della Corte dei Conti". Inoltre il sindacalista replica alle accuse di Elvira Amata.

Tempo di lettura: 2 minuti

“Apprendiamo dalla stampa che sarebbe stata sospesa la convenzione con la Fondazione Giglio di Cefalù, riguardante l’ospedale di Mistretta. Accogliamo questa notizia con soddisfazione perché evidentemente sono state colte delle criticità, dopo la nostra denuncia alla Procura della Corte dei Conti”. Lo afferma Pippo Calapai (nella foto), segretario provinciale della Uil Fpl, aggiungendo: “In riferimento alla presa di posizione di una parlamentare messinese, la quale si chiede quali interessi abbia la Uil-Fpl di Messina, rispondiamo rivolgendole la stessa domanda. Se è pacifico che l’interesse del sindacato sia quello della tutela dei diritti dei lavoratori e dell’efficienza dell’offerta sanitaria, ci chiediamo quali interessi politici animino la parlamentare regionale, che ha preso così a cuore la convenzione oggetto della nostra denuncia, dal momento che si potrebbe prefigurare un danno erariale per l’Asp di Messina a fronte di un servizio che ha ricadute limitate per l’utenza dell’ospedale di Mistretta”.

Il sindacalista aggiunge: “Infatti, la convenzione prevede che il 90% del ‘drg’ vada alla Fondazione mentre i costi ricadrebbero sull’Asp che non riuscirebbe nemmeno a coprire con la restante parte. La deputata, inoltre, è a conoscenza del fatto che nell’ambito della convenzione non è stato mai attivato l’ambulatorio di urologia? E poi sa che la convenzione comprime l’offerta, in termini di posti letto dell’ospedale di Mistretta, contrariamente a quanto previsto dal Decreto Balduzzi? Ciò determinerebbe da un lato un disservizio per i pazienti, e dall’altro un esubero di personale, per effetto della riduzione, destinato ad essere ricollocato in altri ospedali. Se a conoscenza di queste circostanze, non comprendiamo la pervicacia della deputata nel perorare la causa della Fondazione Giglio di Cefalù”.

“Sull’argomento, siamo pronti a sostenere un confronto pubblico, magari da tenersi presso la città Metropolitana di Messina, alla presenza del sindaco Cateno De Luca, nella sua qualità di massimo rappresentante della Conferenza dei sindaci. In quella sede enunceremo le fallacità di una convenzione, che i vertici della Sanità regionale- come annunciato oggi dalla parlamentare– hanno sospeso dopo la nostra denuncia alla Procura della Corte dei Conti”.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati