Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
laser glaucoma incontinenza urinaria oncologia medica psicologico gestanti prenatale neonato muore ospedali trapani ringraziamento fototerapia cup cataratta melanoma cornee

ASP e Ospedali

Danni neurologici

Sindrome post-Covid, la storia di un paziente trapanese

Un'equipe multidisciplinare della provincia di Trapani ha pubblicato uno studio scientifico sulla rivista internazionale "Brain Sciences"

Tempo di lettura: 2 minuti

Un’equipe multidisciplinare della provincia di Trapani ha pubblicato uno studio scientifico sulla rivista internazionale “Brain Sciences” sui danni neurologici causati dal coronavirus. Alla ricerca hanno partecipato il dottor Luca Scalisi, direttore della Villa Sarina di Alcamo, i radiologi del Sant’Antonio Abate di Trapani Ignazio Bacile e Gaetano Cambula, la Casa di cura Morana di Marsala con la neurologa Paola Mangiapane e uno scienziato del CNR, Domenico Nuzzo.

L’articolo è dedicato alla storia clinica vissuta del paziente 1 della provincia di Trapani, l’alcamese F. R., che, nonostante un recupero ottimale delle sue condizioni motorie, presenta ancora strascichi neurologici. «Il paziente da me visitato in epoca post Covid- afferma la dottoressa Mangiapane- presentava un corteo sintomatologico caratterizzato dalla cosiddetta “brain fog” ossia nebbia cognitiva con deficit di concentrazione e dell’attenzione, profondo stato depressivo e marcato quadro ansioso. L’insieme di questi esiti neurologici viene definito con un termine medico di recentissimo conio “Sindrome Long Covid” caratterizzato anche da deficit di natura neurologica e psichiatrica».

Non è del tutto chiara l’etiopatogenesi della sindrome: si pensa possa essere attribuita all’attività flogistica di tipo multisistemico del virus che si estende ad organi e apparati diversi da quello respiratorio, coinvolgendo nella fattispecie il sistema nervoso centrale determinando lesioni neuronfiammatorie e alterazioni emocoagulative. Ne è dimostrazione il fatto che già nella fase iniziale di infezione molti pazienti lamentano un’alterazione del senso dell’olfatto, del gusto e cefalea, segnali questi che indicano uno spiccato neurotropismo del virus.

«Il nostro studio- continua la dottoressa Mangiapane- mette in evidenza come sia di fondamentale importanza la continuità assistenziale dei pazienti nella fase post-Covid attraverso indagini di neuroimaging e valutazioni neurologiche e psichiatriche al fine di riscontrare tempestivamente i danni cerebrali provocati dall’infezione e attuare un approccio terapeutico adeguato non soltanto motorio ma anche neuropsicologico».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati