Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
celiachia

Blog

Siete celiaci? Ecco alcuni consigli da seguire…

Fondamentale essere certi dell'assenza di glutine negli alimenti: al momento dell’acquisto, verificate che sia presente il simbolo della spiga sbarrata...

Tempo di lettura: 3 minuti

Che cos’è la celiachia?

È un’intolleranza permanente al glutine, una sostanza proteica presente nel frumento, nell’orzo, nell’avena, nella spelta e nel kamut. L’assunzione di cibi contenenti glutine, anche in dosi ridottissime, provoca nel celiaco una reazione immunitaria anomala.

Ne consegue un’infiammazione cronica dell’intestino tenue e dei villi intestinali, il cui compito consiste nel veicolare dagli alimenti le sostanze nutritive essenziali. Infiammandosi, i villi regrediscono in misura proporzionale alla gravità della celiachia, si danneggiano e non sono più in grado di trasportare le sostanze nutritive. I celiaci soffrono di carenze, per esempio di ferro, di vitamine e di microelementi, nonché in alcuni casi, di intolleranza al lattosio.

Sintomi

Sono vari e in taluni casi assenti. I più manifesti sono diarrea, perdita di peso, stanchezza, mal di pancia, vomito e nei bambini, anche arresto della crescita.

Altre volte possono essere apparentemente extraintestinali come anemia, osteoporosi, amenorrea, deficit delle vitamine e sali minerali o tipici di altre patologie, che a volte si associano, come la dermatite erpetiforme (è una patologia scatenata in soggetti geneticamente predisposti dall’assunzione dietetica di glutine e caratterizzata da lesioni cutanee specifiche e distintive, che regrediscono dopo l’eliminazione del glutine dalla dieta. È considerata una variante della malattia celiaca, anche se molto raramente si presenta con le caratteristiche lesioni della mucosa duodenale della celiachia), il diabete, le tiroiditi, la stomatite aftosa, le allergie e alcune patologie di tipo neurologico.

Diagnosi

Può essere identificata attraverso la ricerca sierologica e la biopsia della mucosa duodenale in corso di duodenoscopia. Gli accertamenti diagnostici per la celiachia devono necessariamente essere eseguiti  in corso di dieta comprendente il glutine.

Terapia

La dieta aglutinata è l’unica terapia disponibile per celiachia, va eseguita con rigore per tutta la vita. Introdurre il glutine a 12 piuttosto che a 6 mesi, come avviene di norma, non modifica il rischio globale pur ritardando la comparsa di celiachia; ma potrebbe ridurre il rischio di sviluppare questa condizione nei bambini ad alto rischio genetico.

Alcuni consigli utili per l’approccio alla Celiachia:

1. Informarsi in maniera esauriente sull’alimentazione senza glutine presso il medico o un biologo nutrizionista o un dietista;
2. Consumare solo alimenti sicuramente senza glutine. Leggere con attenzione l’etichetta degli ingredienti: molti alimenti insospettabili potrebbero contenere glutine;
3. Moltissimi alimenti sono già privi di glutine per natura: carne, pesce, uova, patate, riso, verdura, frutta, latte e molti suoi derivati.
4. I prodotti senza glutine possono essere acquistati in farmacia e in alcuni negozi di generi alimentari, o supermercati;
5. Al momento dell’acquisto, verificare che sia presente il simbolo della spiga sbarrata, garanzia dell’assenza di glutine;
6. Informare coloro che fanno parte della propria sfera personale della particolare situazione nutrizionale e chiedere supporto;
7. A casa, al momento della preparazione dei cibi senza glutine, accertarsi che i piani di lavoro e gli strumenti di cucina siano perfettamente puliti, per evitare la contaminazione con il glutine;
8. Diventare soci dell’Associazione celiaci attiva in cui si risiede, per ricevere informazioni e prendere contatto con altri celiaci.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati