Policlinici

La nota

Sicurezza al Policlinico “Giaccone”, Caltagirone a Midiri: «Ecco le misure messe in campo»

Il commissario straordinario al Rettore: «Personale dedicato per presidiare i varchi e definizione di responsabili degli accessi all'interno delle unità operative».

Tempo di lettura: 3 minuti

Il commissario Straordinario dell’AOUP “Paolo Giaccone” di Palermo Alessandro Caltagirone (nella foto) ha scritto in queste ore al rettore dell’Università degli Studi di Palermo, Massimo Midiri, per rappresentare alcune delle proposte messe in campo per regolare gli accessi ai padiglioni dell’Azienda Ospedaliera Universitaria.

«Già nel mese di marzo– spiega Caltagirone- dopo aver eseguito la mappatura di tutti i varchi presenti all’interno del policlinico, avevamo chiesto ai Direttori di Dipartimento di chiarire le modalità di accesso alle cliniche e ciò al fine di scongiurare eventuali ingressi di personale non autorizzato. Non abbiamo avuto alcun riscontro e per tale ragione ho dovuto agire oggi proponendo modifiche sostanziali che coniugano sia interventi tecnici, sia un richiamo alla responsabilità precisa di figure deputate al controllo e all’acquisizione delle chiavi degli accessi. Ho scritto al Magnifico Rettore evidenziando le azioni proposte e rappresentando di aver richiesto espressamente ai Direttori di Dipartimento di farsi parte attiva per assicurare il rispetto delle norme per tutto ciò che concerne il personale presente all’interno degli spazi aziendali».

In tutto sono 28 i varchi che consentono di fare ingresso alle cliniche, identificati in una mappatura eseguita lo scorso mese di marzo dal Servizio di Prevenzione e Protezione dell’AOUP. La proposta formulata ai Direttori di Dipartimento prevede interventi tecnici per effettuare, per ogni varco, il cambio di tutte le serrature e/o cilindri. Sarà, inoltre, identificato personale specializzato dei servizi di vigilanza che avrà l’incarico di gestire gli accessi principali. Inoltre in ogni unità operativa verrà individuato un responsabile a cui saranno consegnate formalmente le chiavi.

Particolare attenzione viene posta agli accessi nella fascia post meridiana e notturna dove potranno accedere per ragioni di servizio solo soggetti legittimati a farlo: medici, infermieri, oss, ausiliari, portieri, custodi etc). Per quanto riguarda il personale equiparato (specializzandi, dottorandi, tirocinanti, studenti, volontari etc) l’ingresso potrà essere consentito esclusivamente nel rispetto delle leggi e dei regolamenti universitari in materia.

«L’intento della proposta formulata- prosegue ancora Caltagirone- è quello di richiamare ciascuno alle proprie responsabilità, anche di controllo, rispetto ad abitudini- non conformi alle regole- che nel tempo sono spesso diventate consuetudini. Ho, altresì, chiesto di porre particolare attenzione al personale che vive la nostra Azienda Ospedaliera Universitaria in virtù della sua peculiarità (specializzandi, dottorandi, tirocinanti, studenti, etc), confidando che l’accesso e la presenza siano consentiti esclusivamente nel rispetto dei tempi, degli orari di lavoro e formazione, delle leggi e dei regolamenti specifici, garantendo, in tal modo, la sicurezza degli stessi in presenza del tutor/direttore/responsabile di riferimento».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche