Dal palazzo

La dichiarazione

Sicilia zona arancione, Musumeci: «Il motivo? Terapie intensive piene di non vaccinati»

Il presidente della Regione sottolinea: «Il 77 per cento di quei posti letto è occupato da loro, voglio augurarmi si possano convincere alla necessità di ricorrere alla scienza».

Tempo di lettura: 1 minuto

«L’aspettavamo da una settimana» perché «quello che conta è il numero dei ricoveri nei reparti di Terapia intensiva e sub intensiva» e «il 77 per cento di quei posti letto è occupato da persone non vaccinate che voglio augurarmi si possano convincere alla necessità di ricorrere alla scienza». Lo ha affermato governatore della Sicilia, Nello Musumeci, commentando la zona arancione introdotta per la Sicilia dall’ordinanza del ministro della Salute.

«Al tempo stesso- ha aggiunto il presidente della Regione- debbo però dire con piacere che sta crescendo il numero dei primi vaccini, segno evidente che qualcuno si sta convertendo. Se riuscissimo a passare dall’attuale 88 al 95 per cento di vaccinati con una sola dose avremmo raggiunto un risultato assai significativo». Poche ore prima dell’annuncio, Musumeci aveva già sottolineato: «Ci stiamo avvicinando verso la zona arancione, perché nonostante tutti gli sforzi fatti i reparti di Terapia intensiva sono pieni di persone non vaccinate che ci spingono verso questo colore».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche