Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

Ecco tutti i dati

Sicilia, trend in crescita per i trapianti: effettuati 111 dall’inizio dell’anno

Ecco tutti i dati forniti dal Crt guidato da Bruna Piazza.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Dal primo gennaio al 9 settembre in Sicilia sono stati effettuati 111 trapianti. Crescono anche, nel secondo semestre dell’anno, le donazioni di organi. In ripresa, dunque, l’attività di donazione e trapianti nella nostra Regione.

I dati del Centro Regionale Trapianti, aggiornati al 9 settembre 2016, mostrano che sono stati eseguiti 54 trapianti di rene, 32 di fegato, 1 di pancreas, 8 di cuore e 16 di polmone.

Nel dettaglio, dei 54 trapianti di rene, 23 sono stati eseguiti all’Arnas Civico, 19 al Policlinico di Catania, e 12 all’Ismett. I trapianti di fegato, cuore, polmoni e pancreas, sono tutti avvenuti all’Ismett, unico centro siciliano autorizzato per questo tipo di attività.

La Sicilia si pone, dunque, tra le regioni italiane con un’attività trapiantologica di alto livello. A confermarlo sono anche le prestazioni del Centro Trapianti di rene dell’Arnas Civico, che si colloca ormai tra i primi dieci centri italiani per volumi di attività, avendo alle spalle 23 anni di esperienza e più di seicento trapianti eseguiti.

A dimostrazione di ciò nei giorni scorsi l’equipe chirurgica del Centro palermitano ha eseguito un delicato e difficile intervento con cui ha riparato al tavolo operatorio e trapiantato con successo il rene donato da un ventenne di Messina, deceduto per un grave trauma che aveva danneggiato l’organo.

Il direttore del CRT, Bruna Piazza (nella foto), commenta: «L’istituzione del tavolo tecnico da parte dell’assessorato alla Salute, avvenuta lo scorso marzo, ha determinato un’importante svolta nell’attività. Nella fattispecie, i provvedimenti concordati con i direttori generali delle cinque aziende sanitarie siciliane con volumi di attività di procurement di organi e tessuti maggiori hanno condotto a un’ importante ripresa nel secondo quadrimestre, con un sensibile incremento dei donatori segnalati, pari al 30% rispetto al primo quadrimestre ma ancor più dei donatori procurati che sono quasi raddoppiati nel secondo quadrimestre».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati