Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
amato presidente ordine dei mediciFNOMCeO sordità infantile

Dal palazzo

Master per educatore terapeutico

Sicilia, formati i primi medici ed operatori sanitari “esperti in comunicazione” ai pazienti

In 28 hanno completato un master universitario per educatore terapeutico, promosso dall’Ordine dei medici di Palermo in collaborazione con l’università Pegaso e il Centro di formazione sanitaria Sicilia.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Formati in Sicilia i primi medici e operatori sanitari “esperti in comunicazione”. Hanno completato un master universitario per educatore terapeutico: una nuova figura specializzata, formata grazie ad un master promosso dall’Ordine dei medici di Palermo in collaborazione con l’università Pegaso e il Centro di formazione sanitaria Sicilia.

Dopo i lunghi dibattiti sulle difficoltà di comunicazione tra medici e pazienti, i primi 28 camici bianchi hanno imparato le tecniche più efficaci per spiegare ai pazienti come curarsi e seguire con precisione una terapia.

«L’iniziativa- ha detto il presidente dell’Ordine Toti Amato (nella foto)- è la prima in Italia nonostante l’argomento sia molto trattato. Il principio che sta alla base dell’educazione terapeutica è il controllo della malattia per evitarne l’aggravamento, spesso dovuto ad una mancata aderenza alle terapie o ad una inadeguata conoscenza della patologia, che porta il più delle volte allo scadimento della qualità della vita».

«È indirizzata principalmente- ha spiegato Amato- alle persone affette da patologie croniche difficilmente guaribili, per le quali è fondamentale una corretta autogestione della malattia. Il master universitario ha già qualificato i primi professionisti attraverso un percorso didattico mirato, la cui filosofia si fonda sul cambiamento. Non bisogna sottovalutare l’aspetto economico per le casse della sanità pubblica: con pazienti più informati e attenti si riducono i ricoveri e gli sprechi delle terapie».

L’importanza dell’educazione terapeutica è stata sottolineata nel rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità del 1998 e recepita dall’Unione europea nel 2000. «La Francia – ha rilevato il presidente dell’Omceo – è l’unica nazione degli Stati membri ad avere avviato la formazione di questa figura, inserendola nel 2007 tra gli operatori del servizio sanitario nazionale”.

Il master ha accolto i contributi di autorevoli figure di educatori e professionisti sanitari, italiani e stranieri, come Maria Grazia Albano, Jean François d’Ivernois, Aldo Maldonato, Anna Burroni, Paolo Gisondi, Francesco Lo Surdo, Stefania Polvani, Renzo Marcologo, Sergio Ardis e Moreno Marcucci.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati