Dal palazzo

La Buona Sanità

Severa scoliosi in età pediatrica, 4 interventi al “Vanvitelli” di Napoli

Dal team guidato dal Professore Enrico Pola e dal Dott. Luigi Nasto. Il plauso di Girolamo Calsabianca, presidente Nazionale dell’ANIO (Associazione Nazionale per le Infezioni Ossee ed articolari).

Tempo di lettura: 2 minuti

Eseguiti, presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria “Luigi Vanvitelli” di Napoli, i primi quattro interventi di severa scoliosi in età pediatrica. I quattro distinti pazienti, provenienti dalla Campania, Sardegna, Liguria ed Abruzzo presentavano una condizione patologica considerate grave: diagnosticate un scoliosi idiopatica dell’adolescente di 70 gradi toracica, due deformità scoliotiche del rachide toracolombare intorno ai 60 gradi ed una deformità lombo-pelvica con agenesia del sacro.

I giovani pazienti, operati dal team guidato dal Professore Enrico Pola e dal Dott. Luigi Nasto dell’ U.O. di Ortopedia e Traumatologia (Direttore Prof. Schiavone Panni) dell’ A.O.U. Luigi Vanvitelli (Direttore Antonio Giordano), sono stati dimessi in sei giorni.

 “La Ricerca, la tecnica, l’innovazione, il lavoro di squadra, anche in tempi difficili come quelli che stiamo vivendo, rappresentano il motore vincente della buona sanita’. “ Questo è un alto grande traguardo raggiunto dal Pof. Pola, eccellente chirurgo che da anni collabora con ANIO. In questi anni si è potuta documentare la casistica europea più importante nella chirurgia della colonna, oltre che per soggetti con scoliosi, quanto nella chirurgia vertebrale riparativa a seguito di osteomieliti, che vedevano il paziente a non poter deambulare autonomamente, dichiara Girolamo Calsabianca , Presidente Nazionale dell’ANIO (Associazione Nazionale per le Infezioni Ossee ed articolari).

“L’intervento chirurgico consiste nell’impianto di viti peduncolari nelle vertebre coinvolte dalla scoliosi cosi’ da avere un buon controllo della deformità. Si ottiene la correzione dopo aver seguito tagli sull’osso chiamate osteotomie e mediante il successivo inserimento di barre in metallo – collegate alle viti precedentemente inserite – spiega il professore Enrico Pola, Chirurgo Ortopedico, e continua.
“Grazie ad una collaborazione mutidisciplinare, l’intervento si esegue con un costante controllo della funzione neurologica con potenziali evocati intra-operatori: questa moderna metodica permette di aumentare notevolmente la sicurezza di questo tipo di interventi e di scongiurare danni talvolta irreversibili sul midollo spinale”, conclude il professore (POLA)
 
La scoliosi è una curvatura anormale della colonna vertebrale. I casi gravi comportano una forte limitazione per le attività quotidiane, una patologia invalidante che necessita di intervento chirurgico. Negli ultimi anni, le tecniche chirurgiche, nell’ambito delle patologie vertebrali, hanno registrato una vera e propria rivoluzione. Le moderne tecniche chirurgiche permettono un più rapido recupero post-operatorio dei giovani pazienti ed un veloce ritorno ad una vita normale ed attiva.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche