Emergenza urgenza

I dettagli

Seus, accolto il ricorso: non dovrà pagare 10 milioni all’Inps

I giudici della Corte d'Appello hanno condiviso la tesi della difesa: si poteva godere dei benefici contributivi poichè non c'è stato un trasferimento d'azienda dalla Sise.

Tempo di lettura: 2 minuti

I giudici della Corte di Appello di Palermo hanno accolto il ricorso presentato dalla Seus, la società che gestisce il servizio del 118, condannata a pagare all’Inps 10 milioni. La corte ha riformato la sentenza di primo grado annullando il verbale di accertamento dell’Istituto di Previdenza.

L’Inps contestava alla Seus il mancato versamento dei contributi previdenziali relativi all’assunzione dei lavoratori licenziati da Sise Spa, la società che aveva la gestione del servizio
emergenza urgenza 118 in Sicilia prima di Seus. Secondo l’ente di previdenza la Seus avrebbe goduto indebitamente dei benefici contributivi previsti dalla legge per l’assunzione del personale ex Sise poiché, secondo l’istituto, vi sarebbe stato un trasferimento di azienda tra Sise e Seus e quindi una continuità aziendale.

I giudici hanno accolto le tesi della Seus, difesa dall’avvocato Alessandro Cucchiara che ha sostenuto che non c’è stato un trasferimento d’azienda visto che la Seus aveva una nuova forma di organizzazione nella gestione del servizio 118 in Sicilia.

L’assunzione del personale proveniente da Sise si è resa necessaria per rispettate gli accordi politico-sindacali tra l’assessorato regionale della Salute e la Cgil, la Fials, la Cisl, e l’Ugl per il mantenimento dei livelli di occupazione del personale. La tesi è stata accolta e, dunque, è caduta anche l’indebita percezione delle agevolazioni contributive.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche