Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
ibla soccorritori 118 Ortigia precari livelli occupazionali cda seus snami seus contratto lettera ambulanza medicalizzata sottiletta affogata

Emergenza urgenza

Il 3 giugno

Seus 118, confermato lo sciopero: ecco i motivi della protesta

Organizzato dai sindacati Cobas, Fials-Confsal, Fsi-Usae e Confintesa sanità per rivendicare diritti negati e indennità arretrate per tutto il personale della società che si occupa del servizio di emergenza urgenza.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Confermato lo sciopero dei lavoratori del 118 in Sicilia organizzato dai sindacati Cobas, Fials-Confsal, Fsi-Usae e Confintesa Sanità. La manifestazione è slittata al 3 giugno per rivendicare diritti negati e indennità arretrate per tutto il personale della Seus, la società che si occupa del servizio di emergenza urgenza. I sindacati invitano i lavoratori a compilare gli appositi moduli da inviare all’azienda per comunicare l’adesione allo sciopero e consentire l’organizzazione dei servizi.

Tra le motivazioni dello sciopero c’è la richiesta di istituzione di un apposito tavolo con tutte le parti sociali e la discussione in Parlamento regionale per la creazione di un ente pubblico regionale che riordini tutto il servizio. Allo stesso tempo le sigle chiedono garanzia dei livelli occupazionali dei dipendenti della partecipata Seus «sanciti in seno a dispositivo normativo vincolante in caso di perdita dell’idoneità alla mansione, fino al pensionamento o al passaggio nella nuova agenzia di diritto pubblico». E ancora, i sindacati rivendicano il riconoscimento di “indennità di rischio biologico” per il personale direttamente impiegato a bordo dei mezzi di soccorso, e il riconoscimento di apposito addendum al contratto di servizio posto in essere tra la Seus e la Regione «al fine di corrispondere al personale gli istituti contrattuali di cui al recente rinnovo di contratto, comprensivo degli istituti accessori quali le progressioni di livello, scatti di anzianità e buoni pasto».

Tra le richieste anche lo screening ed esami sierologici periodici e la formazione continua e permanente estesa a tutto il personale Seus, «che dia luogo ad una qualifica riconosciuta dalla Regione specifica per il personale dipendente Seus. Infatti ad oggi tali percorsi formativi si rifanno ad accordi Stato-Regione e si rivolgono solo ed esclusivamente alla platea del terzo settore e non di soggetti dipendenti. Tale qualifica tra l’altro garantirebbe un riconoscimento in più in caso di accesso alla costituenda agenzia pubblica per l’emergenza urgenza».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati