Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

L'emergenza Coronavirus

Senza green pass nei luoghi di lavoro? Niente stipendio ma non ci sarà la sospensione

Il testo definitivo del decreto, entrato oggi in vigore, differisce dalla bozza su alcuni punti fondamentali. Previsto pure il prezzo calmierato dei tamponi antigenici.

Tempo di lettura: 2 minuti

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il testo definitivo sulle misure urgenti da adottare per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato, mediante l’estensione dell’ambito applicativo della certificazione verde COVID-19. Il decreto legge n.127 del 2021, entrato oggi in vigore, differisce dalla bozza su alcuni punti fondamentali. In primis, salta il passaggio che prevede la sospensione per i lavoratori non vaccinati a cui sarà invece bloccata la retribuzione. Lo stipendio resta, quindi, congelato fino a quando il dipendente non si metterà in regola con la certificazione verde, comunque non oltre il 31 dicembre 2021, data in cui dovrebbe terminare lo stato di emergenza pandemica.

Un altro contenuto inserito nella versione definitiva è il prezzo calmierato dei tamponi antigenici- che permettono di ottenere un pass della durata di 48 ore- che deve essere assicurato dalle farmacie ma “anche da tutte le strutture sanitarie convenzionate, autorizzate o accreditate con il Servizio Sanitario Nazionale e autorizzate dalle Regioni” all’erogazione dei test.

Vengono inoltre stanziati 105 milioni di euro per garantire i tamponi gratuiti per chi è esentato dal vaccino e confermate le sanzioni per le farmacie che non si adeguano, con multe che vanno da mille a 10mila euro, oltre la chiusura dell’attività per un massimo cinque giorni da parte del Prefetto. La validità del test molecolare per il pass è aumentata a 72 ore.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati