Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
assunzioni

Dal palazzo

L'appello del sindacato Nursind

Sanità siciliana, l’Sos degli infermieri: «Senza le nuove assunzioni non si supera la carenza assistenziale»

L'appello è stato lanciato a Caltanissetta nella prima riunione del 2018 del coordinamento regionale del Nursind Sicilia, il sindacato autonomo delle professioni infermieristiche.

Tempo di lettura: 2 minuti

«Il blocco delle assunzioni ha determinato un aumento del rischio clinico con conseguente carenza assistenziale. Bisogna assolutamente sbloccare le immissioni a tempo indeterminato».

È una delle richieste emerse a Caltanissetta nella prima riunione del 2018 del coordinamento regionale del Nursind Sicilia, il sindacato autonomo delle professioni infermieristiche. Diverse sono state le argomentazioni portate all’ordine del giorno, a cominciare dalla sicurezza negli ospedali.

«La Sicilia- ha detto Francesco Frittitta, coordinatore regionale del Nursind- si deve dotare di una rete ospedaliera degna delle esigenze del territorio che deve avere una visione di efficienza ed efficacia per i problemi di salute dei siciliani».

Il dibattito si è incentrato poi sulla questione della rimodulazione della rete ospedaliera e sulla «necessità di sbloccare le assunzioni», ha ribadito il vicecoordinatore Claudio Trovato. Un recente studio mondiale dimostra infatti che il rapporto tra infermieri e numero di pazienti deve essere di uno a 6. Sotto questa soglia aumenta notevolmente il rischio di errori e cala la qualità delle cure.

Negli Stati Uniti per intervenire drasticamente si è scesi fino a un infermiere ogni 5 pazienti. Invece per ogni paziente in più oltre i 6, è emerso che aumenta del 7% il tasso di mortalità in quel reparto. Al contrario l’incremento del 10% di infermieri laureati in un reparto diminuisce del 7% il tasso di mortalità.

Tra gli argomento discussi anche l’inserimento delle figure di supporto all’attività infermieristica e la necessità di dare la giusta dignità professionale all’interno dei processi assistenziali per quella che oggi lo stato riconosce una professione intellettuale.

Nella foto: Francesco Frittitta e Claudio Trovato (rispettivamente coordinatore e vicecoordinatore regionale Nursind).

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati