Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
sciopero nazionale delibere omissioni corleone agonia contratto comitato lavoratori

Dal palazzo

La nota di Anaao Assomed

Sanità siciliana, l’appello del sindacato dei medici: «Subito i concorsi per potenziare gli organici di Asp ed Ospedali»

La nota di Anaao Assomed: «Si profila un'Estate di emergenza per la carenza di personale».

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «C’è alle porte un’altra calda estate dove la Sicilia sconterà le gravi carenze di organico nei Pronto soccorso, nelle rianimazioni, nelle strutture per le patologie tempo-dipendenti, nelle ostetricie, nelle pediatrie, nelle radiologie, nelle patologie cliniche».

Lo scrive in una nota Pietro Pata, segretario regionale di Anaao Assomed Sicilia, sottolineando che «gli atti amministrativi conseguenti all’emanazione del Decreto di riordino della rete ospedaliera siciliana ancora non sono stati completati da tutte le Aziende Sanitarie. Inoltre l’assessorato regionale alla Sanità ha concesso finora la stabilizzazione solo di 87 anestesisti, una goccia nel mare dei bisogni».

Poi il sindacato aggiunge: «Ma insomma, qualcuno pensa che la pazienza non abbia un limite?! Che ancora una volta assisteremo ad infinite attese per un posto letto in urgenza? A disperate corse di ambulanze del 118 tra un ospedale e l’altro? A reparti chiusi per impossibilità di garantire il minimo servizio? Ad ambulatori che sospendono le prestazioni?».

«Ci aspettavamo- sottolinea Pata- che al 30 giugno avremmo assistito ad una completa attuazione delle norme per l’assunzione del personale necessario a garantire standard accettabili di assistenza, invece ancora è l’enorme carico di lavoro a cui si sottopone il personale in servizio, a dare sollievo ai cittadini e a permettere la tenuta del servizio sanitario siciliano».

«Ma veramente- prosegue- si crede che rinnovare incarichi per brevi periodi, in strutture dell’emergenza, possa dare risultati? Si guardi all’ASP di Trapani dove è andato deserto un avviso per medici del Pronto soccorso. Non si può accettare il martirio, sapendo peraltro di mettere a rischio non solo la propria professionalità ma anche l’incolumità dei cittadini».

Infine, il sindacato lancia l’appello: «Se è vero che questa regione è uscita dai Piani di rientro ed è in fase di consolidamento, allora occorre che lo Stato autorizzi da subito le procedure concorsuali necessarie a ripristinare la funzionalità di centinaia di strutture sanitarie negli ospedali prima e poi sul territorio».

Nei giorni scorsi in un’intervista rilasciata ad Insanitas l’assessore Baldo Gucciardi ha dato notizia di una sua direttiva ad Asp ed Ospedali per accelerare al massimo il via delle procedure concorsuali.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati