oscar medici

Sanità pubblica e privata del Messinese, ecco tutti gli “Oscar” ai medici dell’anno

13 Maggio 2019

La premiazione simbolicacoglie il senso della "Festa del medico", manifestazione ideata dall'Ordine provinciale di Messina guidato da Giacomo Caudo.

 

di

I medici “più umani”, di tutti giorni, che lavorano senza guardare orario e con spirito di sacrificio e abnegazione, che sanno coniugare competenze scientifiche al prezioso rapporto con paziente e familiari, una “medicina” fondamentale aldilà di protocolli, regole e spending review.

Tocca a loro il titolo di “medico dell’anno”, premiazione simbolica che coglie il senso della “Festa del medico”, manifestazione ideata dall’Ordine provinciale di Messina guidato da Giacomo Caudo, che ha voluto riunire al Teatro Vittorio Emanuele le più importanti realtà ospedaliere pubbliche e private: ASP, Università di Messina – Policlinico, Papardo, IRCCS Bonino-Pulejo, Villa Salus, COT, IOMI e Cappellani, cliniche riunite nell’AIOP, e la componente odontoiatrica.

Tutti protagonisti per premiare alcuni colleghi, considerati punti di riferimento dalle proprie aziende ed eccellenze del territorio: una giuria composta da delegati dei direttori generali ha indicato terne di nomi, sottoposte al giudizio della cittadinanza grazie ad un televoto che in pochi giorni ha raccolto oltre 11 mila SMS con i codici dei prescelti: uno strumento originale per comprendere la sanità percepita dall’utenza con risultati letti in diretta durante lo show-premiazione, presentato dal giornalista Massimiliano Cavaleri insieme con Caudo e il medico Gaetano Cincotta.

Un “Oscar made in Messina” con buste aperte sul palco, consegnate dal presidente di giuria Salvatore Rotondo, contenenti il risultato dei primi classificati: tutti i “candidati” hanno ricevuto una targa ricordo per distinti meriti professionali, ma solo a chi ha ricevuto più voti all’interno di ogni categoria, un assegno di 1.000 euro per l’aggiornamento professionale o altri nobili scopi.

ECCO LE CATEGORIE E I PREMIATI

Odontoiatri: Gesualdo Campo, Patrizio Freni Sterrantino e Giovanni Matarese (vincitore) premiati dal pres. CAO Giuseppe Renzo e dal consigliere Giuseppe Lo Giudice;

ASP: Vincenzo Compagno, Salvatore Garibaldi e Luisa Puzzo (vincitrice) premiati da Domenico Sindoni, già dir. sanitario ASP e delegato dal manager Paolo La Paglia;

Policlinico: Gianlorenzo Dionigi, Vincenzo Ficarra e Giuseppe La Malfa (vincitore) premiati dal manager Giuseppe Laganga e dal componente di giuria Antonino Levita;

Papardo: Vincenzo Adamo, Sebastiano Caudullo e Francesco Patanè (vincitore) premiati da Gaetano Ferlazzo, delegato dal manager Mario Paino;

IRCCS Bonino Pulejo: Benedetto Bronzetti, Gaetano Cannavà e Daniela Floridia (vincitrice) premiati da Dino Bramanti, delegato dal manager Vincenzo Barone;

Ospedalità privata: Carmelo Catena (vincitore, Villa Cappellani), Pietro Cavaliere (IOMI) premiati da Rosanna Casella, delegata dal dir. gruppo GIOMI Luca Radicati; Vincenzo Corsaro (Villa Salus) premiato dal componente di Tonino Borruto; Archondo Evanghelu (COT) premiata dal dir. sanitario COT Domenico Chiera.

  • Asp. Luisa Puzzo premiata da Domenico Sindoni

  • Bonino Pulejo. Daniela Floridia Premiata da Dino Bramanti

  • Odontoiatri. Giovanni Matarese premiato da Giuseppe Lo Giudice

  • Ospedalità Privata. Carmelo Catena (Villa Cappellani) premiato da Giacomo Caudo

  • Papardo. Francesco Patanè premiato da Gaetano Ferlazzo

  • Policlinico. Giuseppe La Malfa premiato da Giuseppe Laganga

  • Simone Gulletta e Francesco Trimarchi con Giacomo Caudo

  • Gli specializzandi premiati

La Festa del Medico rappresenta la prosecuzione del Convegno di Primavera – Borse di studio Silvana Romeo Cavaleri, nato nel 2004 e che in 15 edizioni ha affrontato temi di stretta attualità in sanità, ospitando a Messina personalità come Umberto Veronesi e tanti altri. Con la Festa del Medico “un passo doppio” che allarga gli orizzonti coinvolgendo l’area metropolitana.

Targa speciale dell’Ordine a chi si è distinto fuori dalla città: il cardiologo Simone Gulletta, responsabile Unità Funzionale Aritmologia dell’Ospedale San Raffaele di Milano, dove lavora da 20 anni e ha eseguito 10.000 procedure elettrofisiologiche, premiato dal coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato Giovanni Frazzica e dal pres. Ordine dei medici di Agrigento Giovanni Vento.

Come di consuetudine, la Targa per i presidenti onorari dell’Ordine: quest’anno a Francesco Trimarchi.

Infine la premiazione di 21 specializzandi che si sono posizionati con i punteggi più alti nelle graduatorie nazionali per l’ingresso nelle scuole di specializzazione e per la formazione specifica in medicina generale: a consegnare le pergamene Giovanni Tuccari ed Eugenio Cucinotta per l’ateneo messinese, il segr. reg. FIMMG Luigi Galvano e il vice segr. reg. FIMMG Aurelio Lembo, il vicesegr. naz. FIMMG Continuità assistenziale Stefano Leonardi, il pres. prov. SIMG Santi Inferrera.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV