Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
infermieri catania istituzioni sanitarie denuncia guardia medica sicurezza

Dal palazzo

Lo studio del Nursind

Sanità a Catania, gli infermieri “bocciano” condizioni di sicurezza e rapporti con i superiori

Sono alcuni dei risultati di uno studio promosso dal sindacato Nursind di Catania su un campione di circa il 10% di intervistati per ogni azienda.

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA. Più di sette infermieri su dieci ritengono scarsa la sicurezza dei pazienti del Cannizzaro di Catania, nove su dieci della stessa azienda se fosse possibile cambierebbero subito ospedale. Luci e ombre anche all’Arnas Garibaldi, all’Asp e al Policlinico Vittorio Emanuele dove almeno la metà vorrebbe cambiare azienda.

Sono alcuni dei risultati di uno studio promosso dal sindacato Nursind di Catania su un campione di circa il 10% di intervistati per ogni azienda (clicca qui per leggerlo).

“L’analisi- spiega Salvo Vaccaro, segretario territoriale e vicesegretario nazionale del sindacato- affronta il tema del benessere organizzativo che trae dal proprio posto di lavoro, ovvero il primo elemento che influenza efficacia, efficienza, produttività e sviluppo di una struttura pubblica”.

Tra gli altri dati emersi c’è un giudizio negativo del personale verso il management, che assume il ruolo di protagonista nella gestione delle risorse umane. Una buona metà dei dipendenti, con punte del 79 per cento al Cannizzaro, ritiene di non essere trattato con rispetto dai suoi superiori.

“Le risultanze dell’indagine sono sconfortanti- dice Vaccaro- La valorizzazione delle competenze e del merito individuale, secondo la percezione del personale che ha partecipato all’indagine, risultano elementi fondamentali meritevoli di essere implementati in tutte le aziende dato che risultano essere estremamente carenti”.

Altro dato in evidenza riguarda la percezione del personale infermieristico: almeno due su tre ritengono che viene svolto con ritmi poco sostenibili o insostenibili. Tra gli elementi positivi emerge invece la puntualità nei pagamenti dell’Arnas Garibaldi, dove otto su dieci ritengono che i pagamenti dello straordinario e reperibilità vengono effettuati regolarmente.

“L’ospedale Garibaldi- conclude il Nursind- seppur nella difficoltà di emergere, si conferma la migliore delle quattro aziende catanesi, con gradi di soddisfazione lontani da quanto ci saremmo aspettati ma comunque più elevati rispetto alle altre aziende oggetto d’indagine”.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati