Bruon cacopardo

Sabato a Catania il congresso sui progressi della terapia antiinfettiva

23 Gennaio 2020

Presso l’Hotel Nettuno, si svolgerà la seconda edizione del congresso dedicato ai “progressi della terapia antiinfettiva”. L’importante focus scientifico sarà coordinato dal prof. Bruno Cacopardo.

 

di

Fronteggiare l’evoluzione dei batteri oggi rappresenta un banco di prova arduo sia per le istituzioni sanitarie, nazionali ed internazionali, che per i clinici e contempla aspetti piuttosto delicati di comunicazione, poiché il tema è considerato dall’ONU una priorità globale. La lotta ai batteri passa da un uso appropriato degli antibiotici, poiché è proprio l’inadeguato consumo degli stessi che è in grado di selezionare microrganismi   capaci   di   resistere  ai   farmaci. Sul punto occorre, pertanto, innalzare la consapevolezza dell’opinione pubblica.

Il fenomeno, infatti, è caratterizzato da dati allarmanti: in Europa oltre 4 milioni di persone in atto vengono colpite da infezioni batteriche ospedaliere, o infezioni correlate all’Assistenza (ICA); circa la metà di queste è determinata da ceppi batterici resistenti a più classi di antibiotici con un numero di decessi per anno che supera i 70.000 casi in UE e i 700.000 nel mondo. La gestione delle infezioni ospedaliere da germi multi-antibioticoresistenti, oltre che un drammatico problema clinico, produce un significativo impatto in termini di economia sanitaria, sia per la durata della degenza, che per il costo dei farmaci e le conseguenze medico-legali.

I germi antibiotico resistenti, cosiddetti “superbug”, ovvero i batteri dotati di un patrimonio genetico tale da renderli resistenti nello stesso momento a molte (talora a tutte) le classi antibiotiche attualmente esistenti, pongono dei problemi complessi circa la gestione delle terapie antinfettive (ndr. il riferimento è alle infezioni batteriche e non virali). Il prof. Bruno Cacopardo, responsabile scientifico dell’evento, che si terrà a Catania, è uno dei massimi esperti del settore, e in qualità di direttore dell’UOC di Malattie Infettive, presso il presidio Nesima dell’Arnas Garibaldi di Catania, coordina l’esperienza virtuosa che rappresenta un fiore all’occhiello dell’azienda sanitaria catanese. Il Garibaldi, infatti, già nel 2017, ha attivato un modello di stewardship antimicrobica di tipo restrittivo per la lotta alle infezioni ospedaliere, ponendosi avanti rispetto a molte altre realtà ospedaliere, dove invece tale organizzazione è ancora alquanto carente. “Con questa seconda edizione congressuale rinnoviamo – afferma  Cacopardo –  l’idea di un convegno in grado di far confluire un certo numero di infettivologi, ovvero di addetti ai lavori che discutano di tali argomenti e non lo facciano in maniera sterile. Rispetto alla prima edizione di 2 anni fa, i nuovi antibiotici, in quella fase ancora confinati solo ad un argomento teorico, adesso vengono utilizzati e hanno già incassato tutta una serie di successi terapeutici, in particolare per quelle infezioni batteriche attribuite appunto ai germi multi antibiotico-resistenti, ovvero ai batteri che hanno sviluppato modalità di resistenza a quasi tutti gli antibiotici precedentemente disponibili”.

Al di la di questa tematica, i setting scientifici affronteranno anche i profili legati alle terapie inerenti le epatiti. Sul punto, Cacopardo evidenzia ancora che: “Abbiamo ottenuto progressi straordinari in tema di epatite cronica virale da virus dell’Epatite C e attualmente siamo in grado di eradicare tale infezione in oltre il 95-96% dei casi. Adesso ci poniamo un obiettivo che e’ estremamente ambizioso, ovvero di eradicarla nel mondo”. Ai lavori parteciperà, tra gli altri, il professore Massimo Colombo, che è uno dei massimi esperti in materia e che discuterà proprio dei progetti di eradicazione dell’epatite C nell’intero pianeta. Tra i temi portanti del congresso non mancherà neppure quello delle infezioni da Hiv; tema su cui interverrà anche Santiago Moreno, uno dei massimi esperti al mondo in questo campo.

“Il congresso – conclude Bruno Cacopardo – quest’anno avrà un respiro di portata internazionale, a fronte della partecipazione di relatori di calibro mondiale ed esalterà l’importanza del confronto con eccellenze di altre realtà”. Tra gli altri, infine, parteciperà anche Antoni Torres di Barcellona, che è l’estensore delle linee guida internazionali sulla gestione delle polmoniti, mentre dall’università George Washington di Saint Louis, negli Stati Uniti, arriverà il professor Erik Dubberke, ovvero una delle voci più autorevoli sulle infezioni da Clostridium difficile, batterio responsabile delle coliti gravi da antibiotici.

L’apertura dei lavori è prevista per le ore 9:00.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV