Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

Gruppo Epatologico Clinico

Rinnovato il direttivo di Grecas: nuovo presidente è Marco Distefano

Ecco il direttivo del Gruppo Epatologico Clinico Associativo Siciliano.

Tempo di lettura: 3 minuti

Durante l’assemblea dei soci è stato rinnovato il Consiglio direttivo di Grecas (Gruppo Epatologico Clinico Associativo Siciliano): nuovo presidente è Marco Distefano, dirigente medico dell’UOC di Malattie infettive dell’Asp 8 di Siracusa.

Gli altri eletti nel Consiglio sono Vincenza Calvaruso e Mario Fiorello di Palermo, Maria Rita Cannavò e Carmelo Virgillito di Catania, Gaia Caccamo di Messina e Mauro Sapienza, direttore UOC di Medicina Interna dell’Ospedale di Enna.

Positivo bilancio delle terapie grazie ai nuovi farmaci ad azione antivirale diretta per l’epatite C, miglioramento della gestione dell’ipertensione portale e delle complicanze della cirrosi, nuove sfide per la cura di malattie epatiche emergenti: sono stati i temi al centro della tradizionale riunione annuale del  Gr.E.C.A.S.  che si è svolta presso il Grand Hotel Villa Politi di Siracusa e ha riunito circa cinquanta esperti provenienti da tutta la Sicilia, ma anche dal resto d’Italia.

Gli epatologi si sono confrontati nell’arco di sette sessioni, tra letture e tavole rotonde, sulle novità nel campo della diagnostica e della cura delle malattie del fegato.

Negli ultimi dieci anni in Sicilia la mortalità per malattie del fegato è drasticamente diminuita: merito dei circa 14mila trattamenti con i nuovi farmaci ad azione antivirale diretta per l’epatite C, che hanno guarito i pazienti dei centri della rete Sicilia- Hcv, ma anche dei miglioramenti della gestione dell’ipertensione portale e delle complicanze della cirrosi.

Gli epatologi siciliani nel corso dei lavori si sono confrontati con gli esponenti di altre società scientifiche (diabetologi e specialisti dell’obesità) e insieme hanno pianificato come fronteggiare la minaccia emergente della malattia da fegato grasso.

Grande attenzione è stata poi rivolta ad approcci futuristici di terapia: recettori Fxr, ruolo e manipolazione del microbiota, nuove terapie antibiotiche per le infezioni da germi multiresistenti nel paziente cirrotico e nuovi approcci di terapia antitumorale per l’epatocarcinoma.

Dopo il successo di Resist (la rete siciliana di trattamento della epatite C), che rappresenta oggi un modello efficace cui molti si ispirano, è in cantiere anche un progetto di gestione in rete di altre malattie del fegato: la colangite biliare primitiva, l’epatite cronica B, l’encefalopatia epatica, l’epatite da fegato grasso, i trapianti ed il cancro.

Le prossime sfide su cui si concentrerà l’attenzione del GrECAS sono rappresentate da malattie come la steatoepatite non alcolica e l’epatite cronica B – che non hanno ancora una terapia risolutiva – la ricerca delle infezioni da HCV misconosciute in popolazioni speciali (carceri, tossicodipendenti, omosessuali maschi), la diagnosi precoce del tumore del fegato mediante implementazione dello screening ecografico delle popolazioni a rischio, la diffusione della cultura della donazione degli organi, che vede tuttora, purtroppo, la Sicilia agli ultimi posti in Europa.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati