Dal palazzo

L'appello

Riforma della Sanità siciliana, Confintesa Sanità: «Siano coinvolti i sindacati»

Il segretario regionale Domenico Amato commentà così l'ipotesi allo studio dell'assessorato regionale alla Salute.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «Confintesa Sanità non è in disaccordo con l’evidenza della necessità di una riforma del sistema sanitario regionale, ma tale riforma deve necessariamente passare da un serio confronto con le parti sociali.  Con l’arrivo delle ulteriori strutture finanziate dal PNRR, come le Case della Comunità, i Centri operativi territoriali e gli Ospedali di Comunità sarà necessario ridisegnare il sistema sanitario risolvendo anche le criticità del passato».

Lo afferma Domenico Amato (nella foto di Insanitas), segretario regionale di Confintesa Sanità, commentando l’ipotesi alla studio dell’assessorato alla Salute e aggiungendo:  «A quanto sembra il perno di questa riorganizzazione sarebbe un moltiplicarsi di posti di comando, questa riforma dovrebbe avere invece avere come obiettivo primario la salvaguardia del diritto alla cura dei siciliani e la sopravvivenza e potenziamento dei presidi periferici declassati nel 2005 e che da anni invocano il ritorno allo status di azienda ospedaliera, continuare a subordinare i presidi di periferia a quelli delle città metropolitane finirà con il fare affondare anche questi ultimi».

«In questo momento i cittadini siciliani non vedono che la quasi impossibilità di accedere alle cure del sistema sanitario regionale e troppo spesso per un esame diagnostico urgente devono rivolgersi al privato con notevole esborso di denaro o proprio, se la struttura non è in convenzione, o pubblico se lo è- aggiunge Amato-  L’assessore alla Salute deve convocarci il prima possibile, i temi trattati da questa riforma sono troppo delicati e le problematiche del nostro sistema sanitario sono parecchie e delicate per poter solo pensare di risolvere unilateralmente la situazione».

«Ci deve nessariamente essere un confronto serio e propositivo con i sindacati, noi d’altronde siamo a disposizione per una fattiva e propositiva collaborazione, aspettiamo dunque un incontro con l’assessore per discutere della riforma», conclude Amato.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche