Dal palazzo

L'annuncio

Ri.Med, firmata convenzione per i collegamenti con il centro di ricerca

Tutta la fase progettuale sarà curata dal Dipartimento regionale tecnico dell'assessorato guidato da Alessandro Aricò

Tempo di lettura: 2 minuti

È stata firmata, stamattina, nella sede del centro Ri.Med, nei pressi di Villagrazia di Carini, nel Palermitano, la convenzione tra l’assessorato regionale delle Infrastrutture e il Comune di Carini per la viabilità dell’intera area del nuovo polo mediterraneo per la ricerca medica.

Tutta la fase progettuale sarà curata dal Dipartimento regionale tecnico. Erano presenti l’assessore regionale alle Infrastrutture, Alessandro Aricò, il sindaco di Carini Giovì Monteleone, il presidente della Fondazione Ri.Med, Paolo Aquilanti, accompagnati dalle rispettive strutture tecniche. Dopo la firma, il rappresentante del governo Schifani ha visitato il cantiere del centro Ri.Med, la cui inaugurazione è prevista per l’agosto del 2025 e che ospiterà 600 ricercatori provenienti da tutto il mondo.

Nel corso dell’incontro, Aricò ha illustrato tutti gli interventi infrastrutturali che faciliteranno i collegamenti con il nuovo centro di ricerca di eccellenza: è prevista la realizzazione di una fermata ferroviaria all’altezza del centro Ri.Med, lungo la linea che collega la stazione Notarbartolo, a Palermo, e l’aeroporto Falcone e Borsellino. L’assessore ha sottolineato come anche la futura pedemontana di Palermo renderà più agevole raggiungere Carini.

«Il governo Schifani- ha sottolineato Aricò- sta pianificando una forte azione per l’adeguamento della viabilità di un’area che registrerà un forte incremento dei flussi. La struttura, infatti, dovrà accogliere, oltre ai ricercatori, anche il personale amministrativo e tecnico. La sinergia con le amministrazione locali e con la Fondazione Ri.Med è fondamentale in ogni passaggio dell’attuazione del progetto e per la realizzazione di opere che siano funzionali al nuovo polo di ricerca e che siano compatibili con la viabilità nel territorio. L’assessorato delle Infrastrutture sarà impegnato nei prossimi mesi con lo sviluppo della progettazione, creando tavoli tecnici con Anas, Trenitalia e tutti quei soggetti che possono a pieno titolo dare un contributo al progetto in maniera spedita e incisiva».

«La collaborazione con le amministrazioni locali e regionali- ha affermato Paolo Aquilanti, presidente della Fondazione Ri.Med- è parte essenziale della realizzazione del centro a Carini. Il progetto farà della Sicilia un hub di ricerca internazionale e costituirà una grande opportunità per l’Isola. I progetti di miglioramento della rete stradale per potenziare i collegamenti dell’area, direttamente connessi alla presenza del centro Ri.Med, saranno di beneficio per tutto il territorio».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche