sciopero nazionale delibere omissioni corleone agonia contratto comitato lavoratori

Rete ospedaliera siciliana: Gucciardi convoca direttori generali e sindacati, ma infuria la polemica

8 Settembre 2016

L'assessore regionale alla Salute incontrerà oggi pomeriggio i manager delle aziende sanitarie e le organizzazioni sindacali. Anaao Assomed protesta: «Forse è il preludio al riallineamento della sanità siciliana alla normativa nazionale,come imposto e preteso dal Ministro della Salute? Ora basta, siano subito attivate le procedure concorsuali».

 

di

PALERMO. «La convocazione dell’assessore Baldo Gucciardi di oggi (8 settembre, ore 14.30) dei direttori generali e dei sindacati della Dirigenza medica, prelude ad una definitiva rielaborazione della rete ospedaliera? Sulla strada che conduce al riallineamento della sanità siciliana alla normativa nazionale, come imposto e preteso dal ministro della Salute?».

È quanto chiede Anaao Assomed, sottolineando che «la totalità delle aziende e degli enti del S.S.R. ha ottemperato al dettato della Legge di Stabilità del 2016 e ai contenuti della Circolare assessoriale del 25 marzo 2016. Sono stati approntati i Piani Triennali del fabbisogno di personale e identificati gli esuberi».

«Ora non si può più tergiversare. È arrivato il momento di attivare a tappeto le procedure di mobilità a tutela degli esuberi e stabilizzare finalmente, i dirigenti vincitori di concorso ante 2012, o che si trovano in posizione nelle graduatorie concorsuali, che scadranno inesorabilmente il 31 dicembre 2016, oltre che attivare le procedure concorsuali con la riserva dei posti per quanti hanno diritto ai sensi del D.P.C.M. 6 marzo 2015, ricordando che tutti questi dirigenti, hanno consentito alla popolazione siciliana il mantenimento dei Lea (Livelli assistenziali essenziali), con la loro professionalità».

Inoltre il sindacato sottolinea: «Oggi è il momento di restituire a tutti i pazienti, ai cittadini siciliani, la speranza di un futuro certo. E non solo nelle aree dell’emergenza, ma in tutte le strutture correlate ad essa; ai Punti nascita, e nelle strutture di cui ai Piani sanitari per lo Stroke – l’infarto acuto e la frattura di femore – ricordando che la Sicilia sta migliorando nei punteggi assegnati dal Ministero, nel Piano Nazionale Esiti, grazie anche al lavoro di centinaia di precari».

«L’Anaao Assomed non può consentire ulteriori dilazioni, per una sanità regionale ingessata da almeno 4 anni, prima con l’incredibile periodo di commissariamento delle Aziende per la procedura di nomina dei direttori generali (durata 22 mesi!), e poi con i Decreti assessoriali di rimodulazione della rete ospedaliera con i loro contorti iter amministrativi tra Palermo e Roma».

L’epilogo della protesta: «Ora basta. I cittadini, gli operatori sanitari, i dirigenti medici: tutti vogliono certezze e pretendono una sanità gestita in modo trasparente ed efficace per esplicare al meglio la loro professionalità».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV