Dal palazzo

L'annuncio

Rete delle talassemie, via libera dal Ministero alle richieste della Regione

Dall'assessorato alla Salute commentano con soddisfazione la volontà di tutelarne la sopravvivenza e il funzionamento.

Tempo di lettura: 2 minuti

«Registro come personale successo della mia gestione questo riconoscimento ai bisogni di attenzione per tutta la classe dei pazienti talassemici. Accolgo con favore l’orientamento della commissione che ha voluto tutelare la sopravvivenza e il funzionamento della rete delle talassemie, necessarie per garantire affidabilità e la giusta accessibilità ai servizi. Un grazie a tutti gli operatori impegnati nel settore».

Lo afferma l’assessore alla Salute della Regione Siciliana Giovanna Volo, dopo la riunione tecnica che si è tenuta presso la commissione Salute della conferenza Stato-Regioni della presidenza del Consiglio dei ministri, per discutere lo schema di decreto del ministero della Salute sulla Rete nazionale delle talassemie ed emoglobinopatie.

La linea della Regione Siciliana, che aveva fortemente sostenuto la sopravvivenza delle reti regionali per le talassemie, contrastando l’ipotesi che potessero essere soppresse e inglobate in un’unica rete per le malattie rare, è stata condivisa dalla stragrande maggioranza delle Regioni, convenendo di rinviare la discussione, per ulteriori approfondimenti, a un ristretto tavolo tecnico che sarà istituito presso il ministero e di cui faranno parte anche rappresentanti della Regione. La Regione ha sostenuto una battaglia per garantire ai pazienti talassemici ed emoglobinopatici le trasfusioni necessarie ad assicurare una migliore qualità della vita grazie anche al supporto dei Servizi trasfusionali e delle associazioni e federazioni dei donatori volontari di sangue.

Soddisfazione è stata espressa anche dal dirigente generale del Dipartimento Asoe, Salvatore Requirez (nella foto di Insanitas): «Il consolidamento della posizione della nostra Regione, prima che un attestato di stima- ha affermato- è una sacrosanta legittimazione della storica dedizione di molti medici, operatori in genere e ricercatori, che nei decenni scorsi si sono impegnati nei percorsi assistenziali dedicati agli speciali pazienti di questa fastidiosa malattia. Sono gli stessi che sono stati capaci di modificarne la storia naturale».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche