ASP e Ospedali

Intervista a Mario Zappia

Reparti nuovi, assunzioni e strumentazioni moderne, così la sanità agrigentina cambierà volto

Il Commissario straordinario dell'Asp di Agrigento, Mario Zappia, traccia la linea dei tanti interventi in corso ma avverte: "Il vero problema rimane la carenza di personale"

Tempo di lettura: 4 minuti

Un canale diretto di comunicazione fra la cittadinanza e i vertici dell’azienda sanitaria è uno degli obiettivi di questi due anni di direzione del commissario straordinario dell’Asp di Agrigento, Mario Zappia. Sono tante però le novità che riguardano il territorio dell’agrigentino: “In questo momento stiamo facendo diversi lavori negli ospedali – ha dichiarato il commissario. – L’ultimo intervento riguarda gli ascensori del San Giovanni Di Dio. Girando settimanalmente gli ospedali mi sono reso conto che la situazione era al limite della decenza”.
In diversi reparti ospedalieri e pronto soccorso dei cinque distretti ospedalieri presenti in provincia sono in corso importanti lavori.  “A Canicattì i lavori per l’ammodernamento e ampliamento del pronto soccorso sono iniziati l’anno scorso e se ne prevede la fine per il mese di marzo, mentre sono già conclusi i lavori per il covid-hospital al “Parlapiano” di Ribera (oggi punto di riferimento del bacino provinciale). Al San Giovanni Di Dio di Agrigento e all’Ospedale di Canicattì sono in corso i lavori per il rinnovo dei reparti di terapia intensiva e subintensiva. Si tratta di interventi che miglioreranno non solo le infrastrutture ma soprattutto le tecnologie. I lavori volti al miglioramento delle infrastrutture sono fondamentali dati i 903 posti letto di cui sono dotati, complessivi, i 5 presidi ospedalieri della provincia.”
Oggi l’ospedale di Ribera è uno dei più all’avanguardia del territorio: “L’abbiamo dotato degli impianti tecnologici più avanzati. Abbiamo anche modernizzato l’ospedale con uno dei sistemi di ossigenazione più moderni d’Italia. Uno dei punti fondamentali delle diverse ristrutturazioni che stiamo affrontando è la sostenibilità. Tutti e cinque gli ospedali sono interessati da interventi di efficientamento energetico, con l’installazione di pannelli fotovoltaici. Uno di questi interventi, a Canicattì, è già stato ultimato”.
“Sono rimasto davvero stupito – prosegue Zappia – quando sono arrivato all’Asp di Agrigento, questi ospedali avevano una tecnologia veramente obsoleta. Oggi, grazie a tutti questi lavori ed ai finanziamenti ottenuti, anche grazie ai fondi del Pnrr, stiamo riuscendo a restituire dignità alla sanità agrigentina.”
“Quando parliamo di Pnrr non parliamo solo di ospedali, ma di territorio e quindi anche delle 19 case di comunità della nostra provincia, per cui abbiamo già affidato i progetti. Saranno dei poliambulatori aperti h24. Nelle ore diurne ci saranno medici di famiglia in forma aggregata, presenti tutto il giorno con una parte di specialistica ambulatoriale e di diagnostica. Nelle ore notturne invece ci sarà la guardia medica. È un modo di ripensare alla medicina del territorio che va incontro alle esigenze del paziente, rendendo più efficiente e sistematica l’assistenza di prossimità e decongestionando d’altro canto i pronto soccorso”.
Nuovi progetti anche per gli ospedali di comunità: “Sono impropriamente chiamati così. I pazienti si aspettano gli ospedali in senso stretto. Ad esempio a Santa Maria del Belice è partito il progetto per un ospedale di comunità, creando parecchia confusione negli utenti. Per chiarire: l’ospedale di comunità è una fase di mezzo tra ambulatorio e ospedale”, ha proseguito il commissario. A tal proposito il Pnrr afferma che queste sono strutture ad assistenza prevalentemente infermieristica. “Non ci sono medici che si turnano normalmente, ma devono fare il giro-visita e poi devono essere reperibili per l’assistenza ai pazienti non gravi o post acuzie”.
Il vero problema di questa riforma è però la mancanza di personale, non previsto dai fondi del Pnrr. “Fortunatamente noi riusciamo ad avere un ricambio generazionale. Abbiamo già concluso una decina di concorsi e ne abbiamo altri 22 in corso. Le tempistiche dipendono dalle commissioni. I commissari al momento sono tre e stiamo procedendo con la formazione delle nuove commissioni. Superato questo passaggio siamo pronti a fare uscire le date dei nuovi concorsi. Al momento stiamo lavorando per definire un concorso di neonatologia infantile. Dal 9 al 10 ottobre ci sarà il concorso di pediatria”. Quanto alla stabilizzazione dei precari: “Abbiamo già completato le ricognizioni – conclude Zappia – e adesso stiamo verificando le documentazioni per le figure di infermieri, medici, OSS, psicologi e farmacisti”.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche