Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Farmacia

L'annuncio

Reazioni avverse: gli Usa chiedono sospensione del Johnson & Johnson

Lo riporta il New York Times. Tutti i casi riguardano donne tra i 18 e i 48 anni e sono simili a quelli rari registrati con AstraZeneca.

Tempo di lettura: 1 minuto

A causa di alcune reazioni avverse, gli Usa hanno chiesto una sospensione in via precauzionale del vaccino Johnson & Johnson. Lo fa sapere il New York Times, specificando che la “Food and Drug Administration” e i “Centers for Disease Control” smetteranno di somministrarlo nei siti federali e solleciteranno gli Stati a fare lo stesso in attesa delle indagini. A quanto sembra, a causare l’allarme sarebbero stati sei casi di una malattia rara che coinvolge coaguli di sangue nelle due settimane successive alla vaccinazione.

Tutti i presunti casi riguardano donne tra i 18 e i 48 anni. Una è deceduta, mentre un’altra è ricoverata in condizioni critiche. Finora sono circa 7 milioni le persone negli Stati Uniti che hanno ricevuto il vaccino Johnson & Johnson, mentre 9 milioni sono le dosi distribuite ai diversi Stati. Il vaccino monodose J&J è un vaccino a vettore virale come AstraZeneca, che ha registrato simili  e rari eventi trombotici. Intanto, da Johnson & Johnson spiegano: «Al momento nessun nesso causale chiaro è stato stabilito fra i rari eventi tromboembolici segnalati e il vaccino anti Covid di Janssen».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati