ASP e Ospedali

La Buona Sanità

Raro aneurisma coronarico, intervento salvavita all’ospedale Gravina

Impiantati degli stent con una camicia simile alla muta dei sub. Il paziente di 77 anni è già ritornato a casa.

Tempo di lettura: 3 minuti

CALTAGIRONE. Eseguito presso l’UOC di Cardiologia dell’Ospedale “Gravina” un intervento salvavita di alta specialità, su un paziente, di 77 anni, affetto da un raro aneurisma coronarico. L’intervento è stato effettuato dal direttore dell’Unità Operativa, Daniele Giannotta. L’aneurisma coronarico è una patologia piuttosto rara, che si può riscontrare in una percentuale che va dallo 0,5% al 4,9% dei pazienti sottoposti a coronarografia.

«La cardiologia interventistica calatina si conferma una delle eccellenze della nostra Azienda- afferma il commissario straordinario dell’Asp di Catania, Maurizio Lanza– In questi anni abbiamo puntato sul suo potenziamento, e i risultati in termini di qualità della risposta sanitaria ci danno ragione. La criticità di specialisti rimane certamente un problema che, grazie all’intervento dell’assessore regionale alla Salute, Giovanna Volo, trova adesso una risposta in una cornice di sinergie costruite con le Aziende ospedaliere catanesi».

Apprezzamento per l’operato dei medici è espresso anche dal direttore sanitario dell’Asp di Catania, Antonino Rapisarda: «È una conferma della professionalità e dell’abnegazione del personale, ma anche della centralità e della necessità di questo servizio nella rete territoriale. Il valore aggiunto di tutto questo è rappresentato dalla capacità di fare rete e di lavorare in squadra fra i reparti dell’Ospedale, in questo caso Cardiologia e Radiologia».

L’aneurisma coronarico è definito come una dilatazione coronarica superiore di 1,5 volte il diametro maggiore del segmento coronarico adiacente. Se nella stragrande maggioranza delle lesioni coronariche su base aterosclerotica si accertano restringimenti nei vasi sanguigni che ostacolano il flusso ematico fino all’infarto, nell’aneurisma coronarico si assiste, invece, proprio a una dilatazione.

«L’aneurisma coinvolgeva due vasi- spiega Giannotta- Questo ha rappresentato la difficoltà principale dell’intervento, insieme all’alterata anomalia patologica. Siamo intervenuti con successo impiantando degli stent con una camicia simile alla muta dei sub e creando uno sbocco unico per entrambi i vasi in un’unica sede. Il paziente è già rientrato a casa. Voglio ringraziare l’equipe del reparto e i colleghi della Radiologia per la grandissima professionalità espressa anche in questo caso, e insieme rivolgiamo il nostro grazie alla Direzione Strategica e ai colleghi delle altre Aziende ospedaliere cittadine che ci aiutano a garantire la piena operatività del reparto».

Nel caso specifico l’aneurisma si presentava a sinistra, con un diametro di ben 2 cm- un aneurisma gigante- riscontrato tramite un esame con Angio Tac (detta anche Cardio-TC), eseguito presso l’UOC di Radiodiagnostica del “Gravina”, diretta da Bruno Varsallona, e poi confermato alla coronarografia. Lo studio radiologico è stato condotto dai dirigenti radiologi della struttura, Giuseppe Bellissima (responsabile del servizio Cardio-TC) e Alessandra Trainito.

Da 2 anni la Cardio-TC viene eseguita al “Gravina” di Caltagirone per lo studio dei pazienti con occlusione delle arterie coronariche. L’esame, altamente affidabile e poco invasivo, permette di individuare o escludere, con una predittività del 100%, eventuali anomalie o patologie a carico del cuore.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche