Radioterapia a Trapani, via libera dalla Regione all’ampliamento del Sant’Antonio Abate

15 Marzo 2016

Approvata la variante urbanistica predisposta dall'Asp. Il manager Fabrizio De Nicola: «Avvieremo subito il bando di gara per realizzare la struttura».

 

di

TRAPANI. Si sblocca l’iter per la realizzazione della Radioterapia e dei nuovi reparti ospedalieri a Trapani. L’assessorato regionale al Territorio e ambiente ha infatti emanato il decreto di approvazione della variante urbanistica, relativa al progetto di ampliamento dell’Ospedale “Sant’Antonio Abate”, predisposto dall’Asp di Trapani.

«Questo atto ci consente di avviare con immediatezza le procedure di gara relativa alla costruzione della struttura dedicata di Radioterapia, dotata di quattro posti letto- afferma il direttore generale dell’Asp, Fabrizio De Nicola (nella foto)- Il bando di gara, nel rispetto del nuovo codice degli appalti pubblici, consentirà così di giungere, nella massima trasparenza, alla realizzazione dell’atteso ampliamento del nosocomio trapanese».

Oltre a prevedere la realizzazione del servizio di radioterapia e del nuovo reparto di oncologia, saranno compresi anche il nuovo blocco operatorio e i nuovi reparti di degenza dell’area chirurgica, all’interno di un edificio di quattro elevazioni.

Inoltre l’area ospedaliera sarà ampliata di ulteriori 8.500 metri quadri, dei quali 7.100 circa già di proprietà dell’Asp di Trapani e 1.400 ottenuti in permuta dal comune di Erice, che in cambio ha acquisito un edificio di proprietà dell’Asp a Erice vetta.

«L’Ospedale Sant’Antonio Abate con le previste unità operative di Radiodiagnostica, Radioterapia, Medicina nucleare, Anatomia patologica, Citodiagnostica, si avvia così a essere un polo oncologico di rilievo regionale», conclude De Nicola.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV